hamburger menu

A ricercatrice Iuss di Pavia finanziamento dall’European Research Council

Il progetto si propone di studiare le metafore del linguaggio umano attraverso tecniche psico e neurolinguistiche

17-03-2022 16:39
Valentina Bambini
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Con una ricerca sul linguaggio umano indagato attraverso le più avanzate tecniche di psico- e neurolinguistica, Valentina Bambini, docente in linguistica della Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia ottiene un prestigioso finanziamento, assegnato dallo European Research Council (ERC) per sostenere la ricerca scientifica più innovativa.

L’ERC premia Valentina Bambini con un finanziamento di 1 milione e 800 mila euro, assegnandole un ERC Consolidator Grant, destinato a ricercatori e ricercatrici brillanti con 7-12 anni dal dottorato per consolidare il loro gruppo di ricerca indipendente. Il progetto vincitore ‘PROcessing Metaphors: Neurochronometry, Acquisition and DEcay – PROMENADE’ mette al centro uno degli aspetti più creativi del linguaggio umano: la metafora. Non solo la poesia, ma anche la comunicazione quotidiana ne è ricchissima. Ma come facciamo a comprenderle? Perché alcune metafore sono più difficili di altre? E perché i bambini fino all’età di 10 anni tendono ad interpretarle letteralmente, e lo stesso accade in presenza di patologie neurologiche e psichiatriche? Sebbene la metafora sia studiata sin dai tempi di Aristotele, conosciamo ancora molto poco di questo fenomeno dal punto di vista cognitivo.

Valentina Bambini, attraverso questo progetto, affronta la sfida di svelare i meccanismi che supportano la comprensione delle metafore combinando la ricerca teorica in linguistica e le più avanzate tecniche sperimentali della psicolinguistica e della neurolinguistica. Nel corso del progetto, di durata quinquennale, saranno coinvolti adulti, bambini, e individui affetti da patologie. I risultati apriranno una finestra sulla creatività umana, e avranno implicazioni per l’insegnamento e la cura dei disturbi del linguaggio.

In quest’ultima tornata dell’ERC Consolidator Grant hanno presentato le proprie proposte 2652 candidati, e il 12% di loro riceverà il finanziamento. I vincitori sono 313 e rappresentano 42 nazionalità con tedeschi (58 ricercatori), italiani (30) e francesi (26) in testa alla classifica in numeri assoluti. Essi svolgeranno i propri progetti presso università e centri di ricerca in 24 Stati membri dell’UE e paesi associati, con Germania (61 borse), Regno Unito (41) e Francia (29) come sedi principali. Le donne coordinano il 33% dei progetti vincitori.

Valentina Bambini è professoressa Associata di Linguistica presso la Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia dal 2014, dove coordina il dottorato di ricerca in Neuroscienze Cognitive e Filosofia della Mente. Si è formata in linguistica alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha ottenuto anche il Dottorato di Ricerca con una tesi sui correlati neurali della comprensione delle metafore. I suoi interessi di ricerca riguardano la neurolinguistica e gli ambiti emergenti della pragmatica sperimentale, pragmatica clinica e neuropragmatica. Ha co-coordinato due progetti di scambio promossi dal network europeo EURO-XPRAG sul linguaggio figurato (2009-2011), un progetto finanziato dalla Regione Toscana sulla valutazione dei disturbi comunicativi (2010-2013), un progetto PRIN per la promozione della pragmatica della comunicazione nell’arco di vita e nella patologia (2017-2020). Attualmente coordina l’unità IUSS in un progetto finanziato dal Ministero della Salute dedicato alla valutazione e trattamento del disturbo pragmatico. È co-fondatrice del network italiano di pragmatica sperimentale (XPRAG.it). È autrice di più di 60 pubblicazioni su libri e riviste internazionali. Ha scritto il volume ‘Il cervello pragmatico’ (Carocci, 2017).

L’ERC, istituito dall’Unione Europea nel 2007, è la principale organizzazione europea di finanziamento per la ricerca di frontiera di eccellenza. Finanzia ricercatori creativi di qualsiasi nazionalità ed età, per condurre progetti in tutta Europa. L’ERC offre quattro schemi di sovvenzione di base: Starting Grants, Consolidator Grants, Advanced Grants e Synergy Grants. Con il suo schema aggiuntivo Proof of Concept Grant, l’ERC aiuta i beneficiari a colmare il divario tra la loro ricerca pionieristica e le prime fasi della sua commercializzazione. L’ERC è guidato da un organo di governo indipendente, il consiglio scientifico. Dal 1° novembre 2021, Maria Leptin è la presidente dell’ERC. Il bilancio complessivo dell’ERC dal 2021 al 2027 è di oltre 16 miliardi di euro, nell’ambito del programma Horizon Europe, sotto la responsabilità della Commissaria Europea per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, Mariya Gabriel.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-17T16:39:28+02:00