Gruppo Medaglie d’Oro: cittadinanza al Milite Ignoto in ogni Comune

milite ignoto
Sono già diverse centinaia i consigli comunali che hanno reso omaggio all'eroe caduto in battaglia, e il numero delle adesioni si andrà sicuramente incrementando, "affinché tutti possano adempiere a questa sorta di imperativo delle nostre coscienze" spiega il Gruppo in una nota
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia presieduto dal Generale Rosario Aiosa, che ha tra le proprie finalità quella di “tutelare e diffondere la conoscenza della storia del Valore italiano di promuovere, sul territorio nazionale, le Cerimonie di ricordo e di esaltazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare”, in occasione della Giornata dell’ Unità Nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera, “desidera far pervenire al Presidente della Repubblica, i sentimenti della più profonda gratitudine per l’alto Magistero morale ed educativo di cui fornisce un incessante esempio, che non può pertanto mancare di ispirare e di sollecitare, nei Dicasteri di competenza, attenzione ed impegno, affinché anniversari, come anche il Centenario del Milite Ignoto, vengano celebrati con la dovuta rilevanza“. Così in una nota il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia.

milite ignoto

In questo senso, continua il comunicato “appaiono significativi gli espliciti riferimenti con cui il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, nel corso della sua recente audizione da parte delle Commissioni Difesa di Camera e Senato ha fatto proprie le parole del Capo dello Stato, a proposito del Centenario del Milite Ignoto, che celebreremo insieme il prossimo IV Novembre. Coerentemente con il proprio Statuto, il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare, sta sviluppando diverse iniziative, a cominciare dal Progetto ‘Milite Ignoto, Cittadino d’Italia (1921-2021)’, con cui ha chiesto– spiega la nota- ad ogni Comune della penisola, con il concorso di ANCI e di altre Associazioni, che si sono aggiunte in corso d’opera, di conferire la Cittadinanza Onoraria al Milite Ignoto in occasione del I Centenario della traslazione delle spoglie in Roma, affinché la ‘genitorialità’ di quel Milite, allora scelto volutamente in quanto ‘Ignoto’, perché tutti potessero attribuirgli il volto di un loro congiunto, sia oggi premurosamente riconosciuta e orgogliosamente rivendicata da ciascun Municipio”.

Sono già diverse centinaia i consigli comunali che hanno fatto sì che il Milite Ignoto divenisse un loro ‘Concittadino’ e il numero delle adesioni si andrà sicuramente incrementando, mano a mano che- prosegue il comunicato- ci avvicineremo al IV Novembre, per proseguire quindi ad oltranza, “affinché tutti possano adempiere a questa sorta di imperativo delle nostre coscienze. Nel suggerire a ciascun Comune che la delibera di conferimento della Cittadinanza Onoraria al Milite Ignoto sia inoltrata al Capo dello Stato, risiede infine l’omaggio che il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valor Militare ha voluto tributare fin da subito alla massima autorità dello Stato, in attesa di poter avere il privilegio di consegnargli l’apposita targa celebrativa, non appena- conclude la nota- l’andamento pandemico lo consentirà, affinché la grata riconoscenza all’eroe ‘che prodigò il suo coraggio nella più cruente battaglia e cadde combattendo, senz’altro premio sperare che la vittoria e la grandezza della Patria’, liberamente espressa da ciascuna comunità del nostro amato Paese, sia presentata alla Patria dal Primo degli Italiani”.

LEGGI ANCHE: Covid, l’Ispettore della Sanità Militare: “Dalle Forze Armate un contributo straordinario”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»