Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Padroni positivi al Covid? A Ozzano i volontari portano fuori i cani

cane
I cittadini in difficoltà possono scrivere direttamente al sindaco Luca Lelli per avere aiuto con i propri animali domestici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Chi pensa agli animali domestici dei padroni isolati in casa perché positivi al coronavirus? Se fino ad ora anche questo è stato un problema da risolvere per chi contrae la malattia, ora i residenti di Ozzano dell’Emilia (Bologna) possono scrivere direttamente al sindaco e chiedere che il proprio cane venga portato a spasso. Ad annunciarlo è lo stesso sindaco, Luca Lelli, che ha attivato attivato una collaborazione con il centro regionale della Protezione civile che, a sua volta, si avvale dell’aiuto della sezione provinciale di Ferrara della Lega italiana dei diritti dell’animale (Lida).

Gli ozzanesi che si “dovessero trovare in difficoltà nel portare fuori il proprio animale causa isolamento da Covid- scrive in una nota Lelli- ora possono richiedere il servizio telefonando alla segreteria del Sindaco oppure inviandogli una mail“. Le richieste saranno valutate sulla base di alcuni criteri come, ad esempio, l’assenza di parenti e amici nelle vicinanze della casa del malato o la mancanza di spazi esterni. In caso affermativo, il Comune si attiverà “quanto prima” con volontari pronti a prendersi cura dell’animale domestico. A tale proposito, il sindaco fa anche un appello ai cittadini. “Se per caso qualcuno di loro, amante degli animali, avesse la possibilità e la voglia, a titolo di volontariato di prendersi cura degli animali i cui padroni, per svariati motivi, sono temporaneamente impossibilitati a farlo come, appunto, nel caso di positività al Covid, possono segnalare la disponibilità alla segreteria del sindaco”.

LEGGI ANCHE: Bologna, il vigile racconta: vai per rimozione ma ti chiedono di tutto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»