Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cingolani: “Emergenza clima, la gente non ha capito cosa ci stiamo giocando”

roberto cingolani
"Non c'è percezione della gravità della situazione", riflette il ministro della Transizione ecologica. "I rischi non saranno fra sei generazioni ma ora, riguarderanno i bambini che stanno uscendo da scuola"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sull’emergenza climatica e la necessaria transizione ecologica verso una maggiore sostenibilità “la gente non ha ancora un filo logico, non ha capito cosa ci stiamo giocando”. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, lo dice rispondendo alle domande nel corso della sua audizione, in videoconferenza, alle commissioni congiunte Industria, Attività produttive e Ambiente di Senato e Camera sulle linee programmatiche del suo Dicastero.

Infatti “i rischi non saranno fra sei generazioni ma ora, riguarderanno i bambini che stanno uscendo da scuola“, dice Cingolani ripetendo uno dei suoi leit motiv, quindi “dobbiamo fare un discorso molto approfondito con scuola e ricerca, con i relativi ministeri, perche c’è un elemento di formazione e comprensione molto importante”.


Da questo punto di vista “c’è “un mio impegno personale con Bianchi e Messa”, dice il ministro, riferendosi ai colleghi ministri titolari di Scuola e Università, per “spiegare a bambini e genitori, e ai lettori di giornali e ai giornalisti” la situazione, perché “fuori di qui non c’è percezione” della gravità della situazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»