Coronavirus, biologi: “Attenti ai test ‘fai da te’, rischio falsi negativi”

"Alcune regioni, tra cui Puglia, Campania, Basilicata, Sicilia, Liguria e Lombardia, hanno già prenotato migliaia di kit contenenti il cosiddetto test rapido diagnostico"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Attenti al ‘fai da te’. La notizia che alcune regioni, tra cui Puglia, Campania, Basilicata, Sicilia, Liguria e Lombardia, abbiano già prenotato migliaia di kit contenenti il cosiddetto test rapido diagnostico che rivela la positività o meno al Covid-19, ci lascia quanto meno perplessi”. Lo dichiara, in una nota, Claudia Dello Iacovo, biologa laboratorista e consigliera e delegata regionale per la Puglia per l’Ordine Nazionale dei Biologi.

“Nulla – prosegue – contro il tampone in sè e per sè. Ma che non passi l’idea che ciascuno possa poi liberamente prenotarselo o, peggio ancora, comprarselo in farmacia, per poi sottoporsi autonomamente al test, magari a casa propria, perchè i risultati che ne deriverebbero potrebbero rivelarsi deleteri visto che la comparsa degli anticorpi IgM non è evidenziabile prima di 4/5 giorni dall’infezione”.
In sostanza, aggiunge Dello Iacovo “qualora le analisi dovessero risultare negative, il tampone dovrebbe essere ripetuto dopo qualche giorno. Questo per evitare gravi ricadute dal momento che in presenza di falsi negativi si consentirebbe ai soggetti refertati di diffondere il contagio. Una cosa è, dunque, sottoporsi al tampone in ospedale o nei laboratori di analisi privati accreditati (ovviamente autorizzati ed espressamente indicati dall’autorità sanitaria), un’altra è farselo comodamente in casa propria”. “Il test di ricerca diretta del virus con tecnica Real Time PCR – assicura la rappresentante dei biologi – consente, invece, di rilevare il virus in tempi assolutamente precoci e con estrema accuratezza (solo un giorno dall’infezione poichè in assenza di anticorpi il Covid-19 replica velocemente ed efficientemente). Questo test – conclude Dello Iacovo – rimane elettivo sia per la diagnosi che per il monitoraggio dell’infezione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»