Coronavirus, la ricercatrice italiana fugge da Bath: “Non mi sentivo sicura”

Ha lasciato la cittadina inglese mentre veniva organizzata, in piena pandemia conclamata, una maratona all'aperto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono partita dall’aeroporto di Bristol venerdi’ mattina con l’ultimo volo utile Ryanair. Alle 6 l’aeroporto era pienissimo di turisti inglesi mascherati per la festa di San Patrizio, mentre in aereo eravamo in quattro”. Chiara X., giovane ricercatrice italiana, e’ letteralmente fuggita, come ha raccontato all’agenzia Dire. Si trovava da fine gennaio a Bath “per un periodo di ricerca all’estero, nell’ambito del dottorato sugli Studi di genere che ho con l’Universita’ di Bologna”. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | L’Ue sospende per un mese i viaggi non essenziali

Ha lasciato la cittadina inglese mentre veniva organizzata, in piena pandemia conclamata, “una maratona all’aperto che non si e’ voluto rinviare, nonostante l’appello di alcuni cittadini- ha raccontato Chiara- con la motivazione che non vi fossero evidenze scientifiche sul rischio in eventi di massa all’aperto” come hanno sostenuto gli organizzatori. 

Chiara “vive a Padova, dove e’ tornata. Lavora a Bologna e la sua famiglia vive in provincia di Vicenza. Non me ne sarei mai andata se il governo inglese avesse preso misure drastiche, ma non mi sentivo tutelata- ha ribadito la ricercatrice- e quando i casi sono iniziati ad aumentare e ho sentito parlare di immunita’ di gregge – la strategia anti Covid 19 di cui ha parlato il capo del Governo, Boris Johnson – ho deciso di tornare”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Gb Johnson non vuole contenere il virus. Parte petizione:”Italia modello”

Gli inglesi vivono la situazione come fosse lontanissima da casa loro: “Ci dispiace molto per quello che l’Italia sta passando”, dicevano i colleghi di lavoro di Chiara. “Anche l’Universita’ era aperta. I miei referenti accademici mi dicevano che capivano volessi tornare dalla mia famiglia, ma io in realta’ me ne andavo perche’ mi sentivo insicura li'”. Ulteriore elemento di insicurezza anche il fatto di avere un’assicurazione sanitaria come cittadina europea nel Paese ormai della Brexit”, ricorda Chiara. Nonostante la tranquillita’ degli inglesi, la giovane ricercatrice italiana racconta pero’ il paradosso, evidentemente non solo ‘made in Italy’, di “supermercati vuoti e presi d’assalto, molto di piu’ che in Italia, carta igienica e legumi per la maggiore, con scaffali vuoti per una settimana”. 

Chiara spera di tornare per i suoi studi in Inghilterra: “Non si sa quando sara’ possibile”, ma intanto in Italia si sente al sicuro: “Forse non fin da subito, ma ora la salute dei cittadini qui e’ la priorita’. Mi sento assolutamente tutelata dal governo italiano“. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»