Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giubileo. Polverini: “Basta che non se ne occupi Marino…”

[caption id="attachment_3557" align="alignright" width="300"] R. Polverini[/caption] ROMA - "Riusciremo a gestire un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
R. Polverini
R. Polverini

ROMA – “Riusciremo a gestire un Giubileo, purché non se ne occupi il sindaco Marino. Roma deve mettere a disposizione i servizi, ma è un evento che investe il Vaticano e il Governo nazionale. Tutto dovrà essere concordato, sincronizzato”. Così Renata Polverini (Forza Italia) ai microfoni della trasmissione ‘Ecg Regione Lazio’, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano. “Marino non sta dando grande prova come sindaco di Roma- aggiunge- eviterei di sovraccaricarlo di un lavoro importante come quello della gestione del Giubileo. Io vivo a Roma, quotidianamente prendo mezzi, salgo sul taxi, viaggio in macchina e di lamentele al sindaco ne avrei da fare tante. Alle prossime elezioni sarà compito delle opposizioni richiamare tutti i cittadini al voto e dimostrare che questo sindaco si è rivelato totalmente inadeguato”. Infine, una battuta sulla Regione: “Zingaretti? Lo vedo piuttosto assente rispetto al ruolo che ricopre. Non gli piace sovraesporsi- conclude Polverini- Il debito della sanità è di nuovo aumentato rispetto a come lo avevo lasciato io”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»