Covid, Normanno (Pascale di Napoli): “Variante scoperta grazie a studio sulle mutazioni”

Normanno_pascale_napoli
A spiegarlo alla Dire è il professor Nicola Normanno, che insieme al collega Giuseppe Portella della Federico II ha scoperta la nuova variante B.1.525
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Regione Campania ci ha sostenuto con un bando grazie al quale abbiamo sviluppato capacità di analisi genomica specifica per le mutazioni del Covid-19, così è avvenuta la scoperta della variante a Napoli”. A spiegarlo alla Dire è il professor Nicola Normanno, dell’istituto tumori Pascale di Napoli, che insieme al collega Giuseppe Portella della Federico II ha scoperta la nuova variante del virus: la B.1.525.

LEGGI ANCHE: Covid, individuata in Campania nuova variante mai descritta prima in Italia


– Professor Normanno, sequenziare e indagare le mutazioni del SarS-CoV-2 è quello che chiedono virologi e scienziati.

“Questo è un progetto che portiamo avanti già da tempo con il professor Portella che stiamo sviluppando sul sequenziamento dell’isolamento di varianti del virus e arrivarci in maniera rapida. Noi non siamo virologi, ci occupiamo di ricerca sul cancro, ma abbiamo sviluppato un’ottima capacità di sequenziamento e abbiamo messo a disposizione questa capacità. Con la Federico II abbiamo selezionato campioni da analizzare e abbiamo scelto questo campione perché è di una persona che era stato all’estero, risultato positivo, e poteva riportare una delle mutazioni del virus. Con stupore ci siamo trovati di fronte ad una variante mai individuata prima”.

– Come mai si è concentrato su questa attività, pur occupandosi di tumori?

“Per le malattie tumorali è essenziale sequenziare il genoma di ogni singolo paziente per meglio indirizzare i bersagli terapeutici. Con il Covid e la problematica varianti abbiamo pensato fosse necessario monitorare le variazioni del virus, discutendo di questa idea con Portella, abbiamo presentato un progetto alla Regione Campania che ci ha finanziato e il progetto ha dato così i suoi frutti. Faccio parte come presidente dell’istituto di cancerologia e ho riscontrato che ci sono molte strutture, soprattutto pubbliche, che stanno contribuendo all’analisi e al sequenziamento. In una survey nazionale che abbiamo condotto, abbiamo inoltre scoperto che molti colleghi stanno dando una mano sulla pandemia anche attraverso progetti di ricerca per aumentare la conoscenza del virus e trovare strategie più efficaci di contrasto alla diffusione del Covid-19″.

– C’è un consorzio per l’analisi genomica del virus sotto l’egida dell’Istituto superiore di sanità: state partecipando a questa rete?

“Al momento non ne facciamo parte, potremmo aderire, per adesso abbiamo comunicato la nostra scoperta con la sequenza individuata ai database internazionali mettendo a disposizione la classificazione della variante, anche grazie all’Istituto superiore di sanità che ci ha segnalato appunto che B.1.525 non era ancora nota”.

– Continuerete il lavoro di sequenziamento?

“Vogliamo dare un contributo a questa ricerca delle varianti. Avendo sviluppato dei protocolli ad hoc continueremo a fare sequenziamenti e sorveglianza epidemiologica. Adesso dobbiamo monitorare e capire se le armi che abbiamo a disposizione sono efficaci anche nel tempo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»