Veneto, individuate varianti inglese e brasiliana. Zaia: “Sono casi isolati”

luca zaia
In regione la mutazione inglese è il 17-18% dei tamponi, mentre quella brasiliana è stata riscontrata nel padovano, ma nessuna delle due è finora al centro di un cluster o di un focolaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – In Veneto sono state individuate la variante inglese e la variante brasiliana. La presenza della prima “è ubiquitaria, vale il 17-18% dei tamponi”, mentre la seconda è stata individuata “nel padovano”. Nessuna delle due varianti è finora al centro di un cluster o di un focolaio, si tratta di casi isolati. Lo comunica il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale.

LEGGI ANCHE: Covid, confronto Zaia-Arcuri sui vaccini: il Veneto propone un gruppo d’acquisto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»