FOTO | VIDEO | ‘Patrick Zaky libero’: a Bologna scendono in piazza in migliaia

Il sindaco Merola: "Questa è la voce di Bologna", il rettore Ubertini: "Questo e' il nostro grande abbraccio a Patrick"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Hanno partecipato in migliaia al corteo organizzato a Bologna dell’Alma Mater per chiedere la liberazione di Patrick Zaky. Al grido di ‘Patrick libero’ la manifestazione è aperta dal Consiglio degli studenti dell’Ateneo. Dietro lo striscione di testa ci sono il rettore Francesco Ubertini e il sindaco Virginio Merola, insieme ad altri esponenti dell’Università e delle istituzioni cittadine.

LEGGI ANCHE: ‘Patrick Zaky – Cittadino del mondo Libero’: incontro alla Dire il 24 febbraio

 

“QUESTA È LA VOCE DI BOLOGNA”

“Questa è la voce di Bologna”: così il sindaco Virginio Merola sottolinea la grande partecipazione al corteo. 

“Questo è il nostro grande abbraccio a Patrick– dice il rettore Ubertini- per stringerci a lui e chiedere con forza di riaverlo nelle nostre aule a Bologna. È una bellissima risposta”. Questa “è la voce di Bologna- aggiunge il sindaco- qui l’Università è nata prima del Comune e gli studenti da sempre sono cittadini, non ospiti. Siamo una città forte, con relazioni col mondo. Non resteremo passivi. Il popolo egiziano è orgoglioso, ma anche noi lo siamo”. Merola prosegue: “La prima condizione della libertà è farsi sentire contro soprusi e oppressione. Bologna è allenata in questo”. Il sindaco rilancia poi l’appello al Governo italiano e alla Ue di muoversi per la liberazione di Patrick. “È importante fare pressione insieme- afferma Merola- perché il nazionalismo non riesca a dividere. È il momento per l’Europa di farsi sentire, come stanno facendo le città e gli Atenei”. In coda al corteo, dietro ai gonfaloni di Comune e Università, si sono uniti alla manifestazione anche i collettivi, che nel pomeriggio si erano radunati in piazza Verdi e che chiedono all’Alma Mater di interrompere i rapporti con l’Egitto. “Noi non abbiamo rapporti con il Governo egiziano- precisa in risposta il rettore- abbiamo progetti di sviluppo e di ricerca con gli atenei egiziani. Sono ponti che non crediamo di dover interrompere, in un momento in cui servono semmai più ponti”, sostiene Ubertini.

(Le foto sono di Davide Landi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»