Ztl Tridente-Centro storico, la protesta degli esercenti

La zona a traffico limitato A1 'Tridente' è stata attivata il 13 maggio 2019, tanti i disagi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo spostamento di un’ora, dalle 18 alle 19, del divieto di accesso per autoveicoli e motoveicoli, nella zona del ‘Tridente’, va a incidere sui commercianti e artigiani, in quella fascia oraria dove è più alto il numero dei contatti con i clienti visto che il momento del maggiore incasso è proprio nella fascia oraria che va dalle 17.30 alle 19, e il prolungamento del divieto di accesso impatta negativamente sui commercianti”. E’ un vero e proprio grido di allarme quello lanciato a DIREzione Roma da Michelangelo Melchionno, presidente della Confederazione nazionale artigianato piccola e media impresa di Roma (CNA). La zona a traffico limitato A1 ‘Tridente’ è stata attivata il 13 maggio 2019, con sei varchi di accesso che vietano il transito di tutti i mezzi a quattro e due ruote, dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 19. La parte del centro interessata comincia da piazza del Popolo e si estende per quasi tutta la lunghezza di via del Babbuino, via del Corso e via di Ripetta. E da dicembre il prolungamento dell’orario, per gli autoveicoli, ha coinvolto tutto il centro storico della Capitale. “Se questo fosse utile per la riqualificazione ambientale- ha spiegato il presidente del CNA- e a diminuire l’inquinamento atmosferico del centro, noi saremmo malcontenti ma d’accordo. Il fatto è che questo provvedimento sposta solo il problema di un’ora e l’inquinamento resta”. Dello stesso parere è David Sermoneta, presidente di Confcommercio Roma centro storico e dell’associazione piazza di Spagna: “Abbiamo avuto un calo degli incassi con effetto immediato; prima, per poter accedere al centro, c’era una finestra per i clienti tra le 18 e le 19.30 e ora, con mezz’ora di tempo, nessuno viene più a fare acquisti. Noi non siamo mai stati contrari alle ZTL o alle isole pedonali– ha proseguito David Sermoneta- ma abbiamo sempre chiesto all’amministrazione di creare dei servizi di mobilità alternativi, perché metropolitane e trasporto pubblico su strada sono carenti”. A pesare sul bilancio dei commercianti e artigiani c’è stata anche l’entrata in vigore, dal primo novembre 2019, del divieto di circolazione ai diesel euro 3 all’interno dell’anello ferroviario. Un ulteriore disagio per il settore del trasporto merci. “Ci sono i piccoli artigiani che hanno bisogno di un tempo di ammortamento più ampio per riconvertire i loro mezzi o sostituirli- ha concluso il presidente di Confcommercio Roma centro storico- e anche in questo caso contestiamo le modalità delle decisioni prese dal Campidoglio”. Il presidente del CNA, Michelangelo Melchionno, ha anche avanzato delle proposte per risolvere il problema: “Ho chiesto al Comune di trasformare i diesel euro 3 in metano, oppure dare degli incentivi per la riqualificazione del parco mezzi destinati al trasporto merci”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»