Studentessa aggredita in treno tra Bari e Barletta, arrestato un senza fissa dimora

La 20enne è stata bloccata sul sedile e costretta a subire violenza sessuale. L’episodio è avvenuto lo scorso 3 febbraio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – L’ha bloccata sul sedile del treno che corre da Bari a Barletta ed inutili sono stati i tentativi di divincolarsi e chiedere aiuto. L’ha costretta a subire violenza sessuale. L’ha palpeggiata con aggressività, costringendola a non muoversi. Lei, una studentessa di 20 anni, è riuscita poi a scappare e a chiedere aiuto. Così, gli uomini della Polfer sono riusciti a identificarlo e ad arrestarlo.

In manette per violenza sessuale è finito un uomo di nazionalità marocchina, senza fissa dimora e già raggiunto in passato da un ordine di allontanamento dal territorio nazionale italiano imposto lo scorso anno dal questore di Bari. L’episodio è avvenuto lo scorso 3 febbraio ed è stata resa nota la notizia oggi dopo che gli agenti hanno trovato l’uomo che dopo la violenza, era scappato. Era da alcuni amici, accampato sul lungomare di Barletta.

La vittima, subito soccorsa, è stata accompagnata in ospedale. L’aggressore è in carcere.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»