Vandali all’asilo ‘Piscine’ di Torre Spaccata, l’istituto resta chiuso

"Comprendiamo il disagio delle famiglie, che ci auguriamo comprendano l'impossibilità di svolgere attività didattiche nella situazione che le immagini documentano"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Vernice sui muri e sul pavimento, cassetti divelti, e danni in quasi tutti negli ambienti della scuola. E’ lo scenario che questa mattina si è presentato davanti agli occhi degli operatori della scuola dell’Infanzia Piscine di Torre Spaccata nel Municipio VII, a Roma. A darne notizia, la minisindaca Monica Lozzi e l’assessore municipale alla Scuola Monica De Santis.

 

“Questa mattina- ha detto quest’ultima su Facebook- con la Polizia locale di Roma Capitale, che è prontamente intervenuta insieme ai Carabinieri a seguito di un’intrusione con scasso e furto registrata abbiamo dovuto constatare la vera e propria vandalizzazione di alcuni ambienti interni. Per consentire il ripristino dei luoghi e un’adeguata sanificazione oggi la scuola dell’infanzia e la sezione ponte non potranno accogliere i piccoli utenti: il personale docente sarà impegnato nelle attività di inventario dei beni, mentre tecnici e operai saranno al lavoro per rimettere a posto i locali, così da garantire alle bambine e ai bambini un rientro sereno e sicuro martedì 18″.

“Comprendiamo il disagio delle famiglie, che ci auguriamo comprendano l’impossibilità di svolgere attività didattiche nella situazione che le immagini documentano. L’impegno di tutti- dal personale scolastico agli operatori, dal Municipio al Dipartimento, dalla RMS alla Dussman- è da oggi stesso quello di fare il massimo per ripristinare in tempi brevissimi le condizioni idonee ad accogliere i piccoli utenti, mentre le Forze dell’Ordine proseguono le attività di indagine e pattugliamento”, aggiunge De Santis.

Infine, il monito della presidente Lozzi, “Come sempre, le vostre zozzerie saranno vanificate– ha detto riferendosi agli autori del gesto- dal nostro impegno: tutto tornerà a posto in breve tempo. E ci vedrete ancora più decisi di prima a fermare la vostra vergognosa arroganza. In questo momento siamo tutti chiamati a prenderci le nostre responsabilità, ognuno nel proprio ruolo. Nessuno di noi si senta escluso da questa battaglia di civiltà, perché uno di quei ragazzi potrebbe essere nostro figlio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»