In Germania la Comunità di Sant’Egidio apre una scuola di tedesco per i rifugiati

La Comunita' di Sant'Egidio ha aperto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

migranti (foto banchetto_babele)

La Comunita’ di Sant’Egidio ha aperto a Monaco di Baviera, nella Bayernkaserne – una ex proprieta’ militare, nonche’ una delle piu’ grandi strutture di accoglienza dei profughi – una scuola gratuita di lingua e cultura tedesca, sul modello delle altre avviate gia’ da molti anni in varie citta’ europee, come fa sapere la Cse stessa. Molte delle famiglie rifugiate che sono arrivate nel corso dell’ultimo anno, spiegano dalla Comunita’, non hanno ricevuto un’offerta da parte delle autorita’ statali di studiare il tedesco. Vivono in un’immensa struttura, composta da molti fabbricati e circondata da una recinzione, completamente isolati dalla gente del posto.

La scuola creata dalla Cse e’ divenuta un luogo di incontro, non solo con una nuova cultura, ma anche con nuovi amici della Germania. Alcuni rifugiati siriani vorrebbero intraprendere studi superiori e universitari, altri vogliono trovare rapidamente un lavoro. Vengono da Afghanistan, Eritrea, Nigeria, Siria, ma anche dalla Sierra Leone, Pakistan e altri Paesi. Nella stessa struttura e’ stata inaugurata anche una Scuola della pace per i bambini dai 4 ai 12 anni. La scuola e’ retta da un gruppo di giovani di Sant’Egidio che si impegnano a garantire che i bambini possano superare in fretta il momento terribile della guerra, della fuga e le tante esperienze negative vissute, aiutandoli con i compiti, insegnando loro il tedesco e giocando insieme, per integrarsi in Germania il piu’ velocemente possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»