Tumori. CoR: “A Lecce si muore più che a Taranto, Emiliano invii task force”

BARI - “Che Lecce fosse la provincia con la massima
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

palazzo_regione-pugliaBARI – “Che Lecce fosse la provincia con la massima incidenza dei tumori in Puglia non l’abbiamo scoperto ieri. I dati erano noti da anni, ma ci sono ‘emergenze’ che mediaticamente e politicamente sono più vantaggiose da rincorrere. Ma che a Lecce ci si ammalasse e si morisse più che a Taranto di tumore lo si sapeva e in tutti questi anni si è fatto finta di non saperlo”. Così in una nota i consiglieri regionali pugliesi del gruppo Conservatori e Riformisti, Erio Congedo e Luigi Manca

   “Ma ora non fermiamoci ai dati- prosegue la nota-, soprattutto non facciamo oggetto di polemiche, cerchiamo, invece, di andare in fondo alle cause. Per questo sollecitiamo il presidente Emiliano, anche in qualità di assessore alla Sanità, a insediare una task force (così come ha fatto per la Xylella) perché individuando le motivazioni si possa anche effettuare un’azione preventiva sui contesti esterni che generano una così alta incidenza”.

   “Ma non solo, Emiliano- aggiungono i consiglieri- deve immediatamente individuare le strutture di eccellenza di secondo livello specializzate in Chirurgia Oncologica, anche per evitare il continuo ricorso a cure extra regione da parte di malati salentini che non trovano sul proprio territorio le strutture idonee. Un costo che pesa sulle casse della Regione Puglia e sui bilanci delle famiglie già colpite da un evento così tragico, qual è la malattia oncologia”.

   “Infine- concludono-, va anche detto che l’aumento di casi accertati di cancro a Lecce si ‘giustifica’ anche con una diagnosi sempre più precoce, e questo grazie alla cultura delle prevenzione che prende sempre più piede anche da noi, ma anche dall’allungarsi della vita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»