Unioni civili. Cirinnà: “Chiudo così la mia carriera politica”

"Ho sbagliato e paghero'. Il mio errore e' stato fidarmi dei Cinque Stelle. Chiudo con questo scivolone la mia carriera politica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

monica_cirinna

ROMA – “Ho sbagliato e paghero’. Il mio errore e’ stato fidarmi dei Cinque Stelle. Chiudo con questo scivolone la mia carriera politica”. Cosi’ Monica Cirinna’, in Transatlantico al Senato.

E’ amareggiata Monica Cirinna’. In particolare con chi l’accusa di aver spinto il Pd su una linea oltranzista sui diritti civili. “Vorrei che fosse chiara la genesi del ddl- spiega ai cronisti in Senato- lo abbiamo scritto in tre, nella stanza di Tonini, con Lumia. Questa versione rappresentava l’accordo raggiunto nel Pd sulla materia. Era nel totale rispetto del programma di Governo”. Di piu’. Cirinna’ spiega che anche i tempi dell’aula sono stati scelti in pieno accordo nel Partito. “A ottobre Renzi ci ha chiesto di andare in aula e votare”, sottolinea. Dal canto suo, ammette, c’e’ stato un errore. “Di fiducia, nel Movimento Cinque Stelle. Ma questa e’ la maggioranza che ho trovato per realizzare un punto del nostro programma elettorale. Se riparlero’ coi Cinque Stelle? Io sono come la moglie della Casa degli spiriti, il libro della Allende. Ricordate quando disse ‘Non parlerò mai più con mio marito’. Ecco io ho un brutto carattere, se qualcuno mi fa un torto non gli parlo piu’“.

di Alfonso Raimo, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»