hamburger menu

Odissea terza dose per i non residenti in Lombardia

Molti studenti e lavoratori fuorisede costretti a lunghe file nella 'open night' dell'ospedale di Sesto San Giovanni per riuscire a vaccinarsi prima che scada il green pass

vaccino_coronavirus

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – Nonostante le segnalazioni siano state diverse e risalgano anche a qualche settimana fa, in Lombardia gli studenti e i lavoratori fuorisede non riescono ancora a prenotare la terza dose. Il portale messo a disposizione dalla Regione non gli permette di completare l’operazione e, anche se viene effettuata nuovamente l’abilitazione della tessera sanitaria, i problemi persistono. Gli operatori del call center non hanno molte informazioni da dare, provano a registrare nuovamente le generalità dei non residenti e ad aspettare 48 ore per vedere se l’iscrizione al sistema va a buon fine.

Spesso non funziona e dopo diverse telefonate, sono gli stessi operatori in alcuni casi a consigliare di raggiungere gli hub vaccinali senza prenotazione. Anche per questo motivo, molti giovani venerdì sera si sono messi in fila davanti all’ospedale di Sesto San Giovanni, che è stato aperto tutta la notte per garantire le somministrazioni a chi non aveva fissato l’appuntamento. Le vaccinazioni effettuate sono state 1.006. Chi era presente racconta alla ‘Dire’ di file interminabili. ‘L’open night’ si ripeterà anche questo venerdì e quello successivo.

Per molti fuorisede ricevere la terza dose in Lombardia è la soluzione più conveniente: tornare a casa durante il week-end può risultare scomodo e nella maggior parte dei casi, se si sono eseguite le prime due vaccinazioni qui, anche nella propria regione d’appartenenza si possono incontrare alcune difficoltà. Per accedere alla somministrazione servono infatti diverse informazioni specifiche che non sempre è facile reperire (come il numero di ‘lotto’ utilizzato per la prima e la seconda dose). I sistemi sanitari delle regioni non condividono i dati tra loro automaticamente: spetta quindi al cittadino o all’operatore dell’hub recuperare queste informazioni. Vista la complessità della procedura, è facile comprendere per quale motivo alle fine in tanti scelgano di presentarsi al centro vaccinale senza prenotazione. Anche se bisogna aspettare ore: l’importante è fare in fretta, prima che il green Pass scada.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-01-17T17:17:40+02:00