Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Anzaldi (Iv): “Capo servizi segreti e Gdf cercano senatori per Conte?”

Il deputato di Italia Viva rilancia le indiscrezioni pubblicate su 'La Stampa' dal direttore Giannini: "Intervenga il Copasir"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le rivelazioni del direttore de ‘La Stampa’ Massimo Giannini sono gravissime. Nel suo editoriale, Giannini parla di uno ‘strano network’ che si starebbe occupando di reclutare senatori per conto del presidente del Consiglio Conte, un network di cui farebbero parte tra gli altri anche ‘generali della Guardia di Finanza’ e ‘amici del capo dei servizi segreti Vecchione’, oltre a ‘noti legali vicini al premier e presidenti di ordini forensi a nome dello Studio Alpa’. E’ doveroso che arrivino al piu’ presto chiare e nette smentite, altrimenti sarebbe opportuno che sulla questione venisse convocato subito il Copasir“. E’ quanto scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi.

LEGGI ANCHE LA REPLICA DI PALAZZO CHIGI: “INSINUAZIONI GRAVISSIME”

“Davvero il direttore del Dis, sotto il cui coordinamento- prosegue Anzaldi- ci sono i servizi segreti, starebbe facendo pressioni per cercare senatori per Conte? Davvero sono coinvolti generali della Guardia di Finanza? Chiarezza su quella che Giannini chiama ‘moral suasion condotta con quel favore delle tenebre sempre negato'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»