VIDEO | Premio Scopelliti 2020, le iniziative in programma

"La Calabria merita davvero un riscatto, una seconda occasione" dichiara Rosanna Scopelliti, presidente della Fondazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Riteniamo che la Calabria meriti di essere considerata una terra nella quale le persone abbiano il diritto di poter vivere normalmente ogni aspetto della propria vita, proprio per questo abbiamo inteso proseguire il nostro impegno, andando a valorizzare i numerosi esempi di buone pratiche, tante volte sottovalutate dai riflettori della comunicazione nazionale”. Cosi’ Rosanna Scopelliti, presidente della Fondazione Antonino Scopelliti, nel presentare oggi a Reggio Calabria le iniziative del Premio Antonino Scopelliti 2020.

“La Calabria merita davvero un riscatto, una seconda occasione – ha aggiunto Scopelliti – e tocca ad ognuno di noi occupare quegli spazi di democrazia liberati dall’impegno della Magistratura e delle Forze dell’ordine. La Fondazione proseguira’ nel sostenere questa regione e i calabresi in una battaglia culturale per l’affermazione dei propri diritti e nella lotta al malaffare, promuovendo nel concreto la conoscenza del territorio e le potenzialita’ della nostra regione per affermare – ha concluso – una consapevole cultura della legalita’ che deve essere il presupposto di ogni nostra azione, sia essa personale o a livello istituzionale”.

Il 19 gennaio a Reggio Calabria a Palazzo Alvaro, sede della Citta’ metropolitana, alle 18:00 si svolgera’ la cerimonia dei Premi. Lunedi’ 20 gennaio alle 9:00 alla Scuola allievi carabinieri di Reggio Calabria si terra’, invece, la premiazione del ‘Concorso nazionale letterario artistico’ in collaborazione con l’Anp (associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalita’ della scuola). 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»