Italiani scontenti del Servizio sanitario, più di uno su quattro rinuncia alle cure

L'insoddisfazione cresce in particolare nei confronti degli ospedali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Gli italiani sono sempre più scontenti del Servizio sanitario nazionale. E l’insoddisfazione per il Ssn cresce dal 21,3% (rilevato nel 2015) al 32,2% nel 2017, percentuale che sale al 51,3% nel Mezzogiorno. Ad aumentare, in particolare, quella nei confronti degli ospedali: in un solo anno si è passati dal 22,7% al 30,2% (50,6% al sud).

I dati emergono dal 15esimo Rapporto annuale ‘Ospedali & Salute/2017’, promosso all’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) e realizzato dalla società Ermeneia-Studi & Strategie di Sistema di Roma, presentato oggi al Senato.

Il peggioramento del trattamento dei pazienti, soprattutto nelle strutture ospedaliere pubbliche, viene percepito in crescita, con riferimento agli ultimi 2 anni, passando dal 15,2% del 2015 al 18% del 2017. Un fenomeno che spesso porta al rimando e/o alla rinuncia a una o più prestazioni sanitarie da parte del caregiver o di altri membri della famiglia interessata: nel 2017, ha preso questa decisione il 26,8% degli aventi bisogno. Rinunce e rimandi già sperimentati dalle stesse persone nei 2 anni precedenti (20% nel 2016 e 16,5% nel 2015).

In questo quadro, il ricorso a ospedali privati accreditati o a cliniche private a pagamento, in alternativa alle strutture pubbliche, risulta essere una decisione che si stabilizza, negli ultimi 3 anni, attorno al 41% dei caregiver per la prima scelta e al 20% per la seconda. Aumenta parallelamente il livello di consapevolezza sull’opportunità di utilizzare ospedali privati accreditati in alternativa a quelli pubblici senza oneri aggiuntivi per gli utenti (dal 35,5% del 2009 al 39,3% del 2017), di rivolgersi a ospedali situati al di fuori della propria regione (da parte di più del 30% dei cittadini intervistati), o addirittura di recarsi in strutture situate in altri Paesi dell’Unione europea (dal 14,1% del 2013 al 18,5% del 2017).

Per quanto riguarda l’utilizzo di strutture ospedaliere presenti in altre regioni rispetto a quella di residenza, i caregiver intervistati che hanno fatto e/o sono orientati a fare concretamente tale esperienza o a prenderla in considerazione in caso di bisogno erano il 28,2% nel 2016, ma diventano il 47,7% nel 2017: tale orientamento viene del resto confermato dai dati oggettivi della mobilità sanitaria, espressa attraverso il numero dei ricoveri extra-regione sul totale dei ricoveri nazionali, che sale dall’8,2% del 2010 all’8,9% del 2014 e al 9,2% del 2015, mentre diminuisce il totale dei ricoveri nella misura del 18,7%. Infine, il report Aiop segnala la scarsa o nulla sensazione di ‘essere messi al centro’ come pazienti, espressa dal 19,3% del campione nel 2014 e dal 32,4% nel 2017 (41,3% nel Mezzogiorno); e la debolezza di una prima ‘giunzione’, quella che riguarda il momento della scelta dell’ospedale, nella quale risulta difficile trovare informazioni affidabili sulla struttura verso cui dirigersi: molti affermano che il medico di medicina generale non è stato in grado di indirizzare adeguatamente il paziente (dal 27,3% al 32,9% nel triennio).

Infine si ammette come si sia dovuto aspettare troppo a lungo l’accesso ai servizi, poiché non c’era posto al momento del bisogno. Il peggioramento è evidente se si considera che il 24,2% degli intervistati era di questa opinione nel 2014, ma sale al 54,1% nel 2017.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»