Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

No vax imbratta muro di un asilo nido bolognese. Lepore: “La denuncio”

no vax bologna asilo nido
L'episodio al Roselle del quartiere Savena. L'autrice è stata colta sul fatto e il sindaco ha dato mandato di denunciarla: "Stiamo superando ogni limite, ci sono pochi gesti più vili"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “I vax uccidono, Salva i bambini. Governo nazista”. I no vax colpiscono ancora, questa volta imbrattando il muro di un asilo nido a Bologna, il Roselle nel quartiere Savena, nel giorno dell‘avvio della campagna vaccinale contro il Covid per la fascia 5-11 anni. “Credo ci siano pochi gesti così vili come imbrattare il muro di un nido con scritte no vax”, tuona il sindaco Matteo Lepore, che posta sul suo profilo Facebook la foto delle scritte rosse tracciate sul muro esterno della struttura.

LEGGI ANCHE: Via al vaccino per i bambini 5-11 anni. Pediatri: “Meno effetti collaterali che negli over 12”

Vaccino ai bambini, la guida dell’Iss contro le fake news

Lo stesso primo cittadino, poco dopo, informa che l’autrice delle scritte “è stata colta sul fatto”. Dunque, “ho appena dato mandato di denunciarla“, informa Lepore. “Stiamo superando ogni limite. La mia solidarietà ai genitori, alle insegnanti e ai lavoratori della scuola e soprattutto ai bambini e alle bambine. Il nido Roselle ha vinto tante battaglie, quello è il quartiere dove sono cresciuto. Vincerà anche questa grazie alla partecipazione, ne sono sicuro”, conclude il sindaco.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»