Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Abruzzo primo caso variante Omicron e 506 contagi, il dato più alto della quarta ondata

covid tampone
Si tratta di un 52enne della provincia di Chieti, che potrebbe aver contratto il virus in occasione di una manifestazione pubblica a cui ha partecipato fuori regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I laboratori del Cast dell’Università di Chieti, diretti dal professor Liborio Stuppia, hanno sequenziato il primo caso di variante Omicron in Abruzzo. Il tampone, fa sapere l’assessorato regionale alla Sanità, è di un 52enne della provincia di Chieti, che potrebbe aver contratto il virus in occasione di una manifestazione pubblica a cui ha partecipato fuori regione. L’uomo non presenta sintomi di rilievo ed è in isolamento domiciliare. Il Siesp della Asl Lanciano-Vasto-Chieti ha già attivato tutti i protocolli di sicurezza sanitaria e avviato il tracciamento dei contatti del positivo. 

E intanto in contagi in regione continuano a salire. Sono 506 (riferiti a persone di età compresa tra 1 e 95 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo e risultati dai 20.815 test effettuati (6.594 tamponi molecolari e 14.221 test antigenici), che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 92.032. Si tratta del numero di casi più alto registrato dalla fine della terza ondata.

Del totale dei casi positivi, 23.057 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+78 rispetto a ieri), 23.335 in provincia di Chieti (+113), 21.711 in provincia di Pescara (+164), 23.058 in provincia di Teramo (+147), 731 fuori regione (+5) e 140 (-1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi (tutti in provincia di Chieti, di età compresa tra 70 e 90 anni) e sale fermo a 2.613. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 83.336 dimessi/guariti (+211 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 6.083 (+289 rispetto a ieri. Nel totale sono ricompresi anche 864 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche). Sono 124 pazienti (+3 rispetto a ieri) ricoverati in ospedale in area medica; 16 (+3 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 5.943 (+286 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Da inizio emergenza sono stati eseguiti 1.650.449 tamponi molecolari e 1.514.863 test antigenici. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 2.43 per cento

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»