Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, un Natale ‘di rigore’, Zampa: “Così i nostri cari in sicurezza”

sandra zampa
Ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7, il sottosegretario alla Salute ha spiegato che il Ministero ha proposto una misura rigorosa che assomigli molto alla zona rossa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Si è deciso di chiudere in maniera molto rigorosa, di chiudere parecchio. Qui al Ministero della Salute abbiamo proposto di optare per una misura rigorosa che assomigli molto alla zona rossa. Sarà un Natale poco allegro, è vero, ma sarà più sereno perché le persone a cui vogliamo bene sono in sicurezza” così il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa (PD), ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. “Tutti nel governo condividiamo l’idea di voler rallentare la curva ma io credo che si ottenga realmente solo applicando il colore rosso, perché rallenti e poi cali sensibilmente la curva dei contagi. Dovremo passare le vacanze di Natale con la mascherina e solo con le persone che frequentiamo abitualmente”, ha aggiunto.

“Il giorno dopo la consegna di Pfizer della dosi del vaccino, noi siamo pronti a partire, con gli operatori sanitari e le Rsa. Io credo che già verso la fine febbraio, con l’arrivo delle dosi di Moderna e di AstraZeneca saremo già alla vaccinazione di massa” ha dichiarato Sandra Zampa.

LEGGI ANCHE: Vertice Stato-Regioni, i governatori chiedono “zona rossa fino all’Epifania”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»