Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Osservatorio fragilità: “Durante pandemia intercettato solo il 20% delle fratture delle vertebre”

gesso
Brusaferro:"Con questo osservatorio state creando un nuovo nodo all'interno della rete che mira a promuovere salute e benessere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questo momento, complice o meno il Covid e la difficoltà di accesso alle cure, intercettiamo il 20% delle fratture vertebrali che invece subiscono i cittadini. L’Osservatorio è uno strumento fondamentale perché non solo intercetta e lavora sul dato ma anche perché è in grado di dare indicazioni sul follow-up del paziente con frattura. Teniamo anche conto che nei prossimi anni ad essere potenzialmente interessati dalle fratturesaranno i baby-boomers, che diverranno i grandi vecchi la cui fragilita’ ossea sara’ indispensabile seguire e curare”. Lo ha detto la professoressa Maria Luisa Brandi, Presidente dell’Osservatorio fratture da fragilità, intervenendo alla conferenza stampa online di presentazione, organizzato da Altis.

FALEZ: “OBIETTIVO OSSERVATORIO FRAGILITÀ È CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

“Un Osservatorio non osserverà e basta, ma anzi si giovera’ della telemedicina per attuare i piani di cura. L’Osservatorio inoltre avra’ tre grandi obiettivi-progetti: definizione del modello epidemiologico per valutare l’incidenza di rifratture di femore; la valutazione delle conseguenze delle pandemia da Covid-19 sulla mortalita’ dei pazienti fratturati di femore; l’analisi di impatto della pandemia sulla prevalenza d’uso ed aderenza dei farmaci anti-fratturativi in coorti di pazienti con frattura primaria. Il progetto di valutazione delle conseguenze del Covid-19 nasce infatti dalla mancanza di follow up e continuita’ assistenziale, che era previsto nella cura dei pazienti fratturati, a causa – ancora una volta – della pandemia”. Lo ha detto Francesco Falez, vicepresidente dell’Osservatorio fratture da fragilità.

BRUSAFERRO: “ISS VUOLE SUPPORTARE OSSERVATORIO FRAGILITA’

“Oggi parlare di sanita’ pubblica significa promuovere la salute della nostra popolazione attraverso le 6 ‘P’: promozione delle giuste pratiche, prevenzione, protezione, a cui si aggiungono la predizione – ovvero l’acquisizione di numeri, dati e algoritmi anche con strumenti come l’osservatorio sulle fratture da fragilita’ che viene presentato oggi – la personalizzazione del rischio e delle cure, infine la partecipazione”. Lo ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, intervenendo alla presentazione dell’Osservatorio ‘Fratture da fragilita” in una web press conference organizzata da Altis. “La partecipazione significa rete: con questo osservatorio- continua- state creando un nuovo nodo all’interno della rete che mira a promuovere salute e benessere. In questa rete c’e’ anche l’Istituto superiore di sanita’, che e’ organo tecnico-scientifico e rappresenta il Servizio Sanitario Nazionale. La mia presenza quindi, come presidente Iss, e’ particolarmente lieta perche’ vorremmo essere parte di questo nodo, svolgere un ruolo supportivo di questo osservatorio, partecipando al ciclo virtuoso di questa rete”.

PARENTE: “PER FRAGILITA’ OSSEA ATTENZIONE ALLA MEDICINA DI GENERE

“Quanto è importante il ruolo della prevenzione, di cui ha detto prima di me il professor Brusaferro, ce lo ha dimostrato il Covid. Ma la prevenzione e’ fondamentale anche per la fragilita’ ossea,di cui oggi presentiamo l’Osservatorio: la fragilita’ riguarda soprattutto le donne che soffrono maggiormente a causa dell’osteoporosi, per questo serve affiancare alle iniziative di prevenzione anche un’attenzione alla medicina di genere. Come parlamentari seguiremo i lavori di questo Osservatorio, sia per iniziative legislative sia come monitoraggio sulla popolazione piu’ anziana e al femminile sulle fragilita’“. Lo ha detto la senatrice Anna Maria Parente, presidente della Commissione del Senato Igiene e sanità.

RIZZOTTI: “CON OSSERVATORIO FRAGILITÀ POLITICA PRODUCE CONCRETEZZA

“Il lavoro che ci ha condotto oggi alla presentazione dell’Osservatorio sulle fratture da fragilita’ e’ iniziato da diverso tempo e arriva in un momento, come questo della pandemia, che rende necessario ancora di piu’ riorganizzare il sistema per la presa in carico del paziente con frattura. Sulla sanita’ non devono esserci visioni politiche, possono esserci delle diversita’ ma come ha dimostrato l’intergruppo che ha contribuito alla nascita di questo Osservatorio, si possono portare avanti battaglie dalla parte dei cittadini. Vogliamo quindi protocolli di cura e piani concreti dal ministero della salute per rendere quanto piu’ operativa la nostra azione per la creazione dell’Osservatorio. La politica puo’, anzi riesce, a produrre concretezza, se lo vuole”. Lo ha dichiarato la senatrice di Forza Italia, Maria Rizzotti, componente della XII commissione Igiene e Sanità al Senato.

BOLDI (LEGA): “CALENDARIZZIAMO MOZIONE SU FRAGILITA’ OSSEA

Il paziente non deve fare corsa ad ostacoli per essere seguito, per essere preso in carico. Per questa ragione l’Osservatorio sulle fratture da fragilità è un’iniziativa importante e rivolta ai cittadini. Spesso nascono molti progetti interessanti ma con scarsa resa sul territorio e sulla concretezza. Da parte nostra, parlamentare, ci auguriamo di calendarizzare quanto prima la mozione che ci aiutera’ a trasformare la fragilita’ ossea in azioni e misure specifiche e concrete e daremo pieno sostegno”. Lo ha detto Rossana Boldi, vicepresidente della XII commissione permanente Affari Sociali alla Camera dei deputati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»