Ue, approvato meccanismo su condizionalità sullo Stato di diritto

"Il primo gennaio 2021 iniziera' il monitoraggio e non sfuggira' nulla a nessuno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Il Parlamento europeo ha approvato oggi il meccanismo di condizionalita’ sullo Stato di diritto legato ai fondi europei. I Paesi membri che non rispetteranno lo Stato di diritto rischieranno di perdere l’accesso ai fondi dell’Unione.

“L’Unione europea garantira’ che i beneficiari finali non finiscano per pagarne il conto”, questi infatti “potranno presentare un reclamo alla Commissione attraverso una piattaforma web per continuare a ricevere gli importi dovuti”, si legge su una nota ufficiale del Parlamento europeo. Il meccanismo di condizionalita’ sullo Stato di diritto si applichera’ a tutti i fondi europei in gestione concorrente a partire dal 1° gennaio 2021.

Il primo gennaio 2021 iniziera’ il monitoraggio e non sfuggira’ nulla a nessuno. Useremo tutti gli strumenti”, ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»