Vertice Stato-Regioni, i governatori chiedono “zona rossa fino all’Epifania”

La proposta avanzata dal leghista Zaia condivisa anche dal Governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dal vertice Stato-Regioni di questa mattina via libera al Piano vaccini. L’incontro, convocato dal ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, è quindi proseguito, secondo quanto si apprende, con una consultazione sull’ipotesi delle maggiori restrizioni nel periodo delle festività, fermo restando il mantenimento del modello di interventi territoriali anche a gennaio.

Il modello, avrebbe detto Boccia in apertura, “ha funzionato bene e ha fatto scendere l’RT da 1.7 all’attuale 0,8 ed è ancora in discesa, anche se le reti sanitarie necessitano di essere sempre più difese e alleggerite“. Tra i governatori, Luca Zaia del Veneto avrebbe proposto “misure restrittive da zona rossa fino all’Epifania“. A sostegno di maggiori restrizioni anche i rapresentanti del Lazio, Friuli Venezia Giulia e Molise.

Secondo Zaia, “nel periodo delle festività servono restrizioni massime, se non le fa il Governo le faremo comunque noi. La Germania- avrebbe aggiunto sempre secondo quanto si apprende- è in lockdown e a gennaio è pronta a ripartire e se non chiudiamo tutto adesso ci ritroveremo a gennaio a ripartire con una curva troppo alta. Servono però ristori certi in parallelo alle chiusure”. La posizione del presidente del Veneto sarebbe condivisa anche dai ministri Boccia e Roberto Speranza.

LEGGI ANCHE: Covid, Von Der Leyen: “Primo vaccino autorizzato entro una settimana”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»