fbpx

Tg Politico, edizione del 16 dicembre 2019

MANOVRA, SALTANO CANNABIS LIGHT, TOBIN TAX E MERCATO TUTELATO

Nessuna liberalizzazione della cannabis light e addio allo slittamento al primo gennaio 2022 della fine del mercato tutelato per l’energia. I due emendamenti sono stralciati dalla manovra che il Senato approva oggi, come anche la norma sulla Tobin tax, che introduceva un’aliquota dello 0,04% su alcune transazioni finanziarie online. Si tratta di una sconfitta per la maggioranza che aveva proposto queste misure bocciate dalla presidente del Senato Elisabetta Casellati per estraneità di materia.

ISTAT, FUGA DALL’ITALIA: IL PAESE INVECCHIA E SI SVUOTA

Un Paese che si svuota, sempre meno attrattivo. E’ la fotografia dell’Italia scattata dall’Istat secondo cui aumentano gli italiani che lasciano il Paese e, per la prima volta dal 2014, diminuiscono i migranti che arrivano in Italia. A questo va sommato il continuo calo delle nascite e l’aumento degli anziani (gli over 85 sono circa 2,2 milioni). Neanche Roma e Milano esercitano più alcun fascino sui giovani che vivono all’estero: sono terzultima e penultima nella classifica delle 82 città del mondo dell’Expat city ranking 2019.

SICUREZZA, LAMORGESE: RINNOVARE CONTRATTO E ASSUNZIONI

Le assunzioni nel comparto sicurezza non sono inserite in manovra ma verranno assicurate con un provvedimento ad hoc entro la fine dell’anno. Lo assicura la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo un convegno del Silp CGIL. Lamorgese sottolinea che “abbiamo bisogno di assunzioni, perché il turn over toglie risorse importanti: 40 mila unità in meno in 10 anni”. Un appello per il rinnovo del contratto di Polizia e Carabinieri, scaduto da oltre un anno, arriva da Lamorgese e dal capo della Polizia Franco Gabrielli.

TRANSOMOFOBIA, IL PD CHIEDE SANZIONI PIÙ SEVERE

Una legge contro la transomofobia, a tutela dei soggetti più vulnerabili. Il Partito democratico scende in campo per chiedere l’estensione della legge Mancino, che punisce violenza e discriminazione per motivi razziali, etnici o religiosi anche all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Alessandro Zan, primo firmatario della legge, auspica sanzioni e pene per chi istiga a commettere oppure commette direttamente violenza e odio di tipo transfobico. “Allargare la sfera dei diritti- dice il segretario del Pd Nicola Zingaretti- rende il Paese più civile”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

16 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»