FOTO | La plastica scartata diventa moda: sfilano 30 abiti

una sfilata molto particolare messa in scena dagli studenti del corso di Fashion design dell'Accademia di Belle arti di Bologna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Coda a strascico in cellulosa, ruches di plexiglas e una pelliccia creata con i frammenti dei banner pubblicitari sono le creazioni dei tre vincitori della “Plastic fashion remix”. Trenta abiti e 21 finalisti, studenti del corso di Fashion design dell’Accademia di Belle arti di Bologna, hanno sfilato lo scorso sabato in piazza Mercanzia, a Bologna, con abiti creati interamente con scarti di plastica. Ma, oltre agli abiti c’è di più. L’iniziativa promossa dall’agenzia Veronesi Namioka e sponsorizzata dalla Gallery Holding ha voluto trasmettere un messaggio di sostenibilità nella produzione del fashion.

FOTO | Gli arazzi? Si possono fare anche con la plastica riciclata

I tre vincitori della sfilata sono stati premiati per i risultati creativi e d’impatto, ma anche per aver creato capi dalla facile manutenzione e conservabili nel tempo evitando sperimentazioni effimere o usa e getta. La creazione di Alessandro Falce, primo classificato e vincitore di una borsa di studio di 2000 euro, è un lungo abito da sera grigio con una coda a strascico in cellulosa e delle balze in plastica che ricordano le reti in cui rimangono incagliati i pesci nell’oceano. È stata premiata la capacità di interpretare il materiale con un risultato di grande impatto, ma anche la maestria nel realizzare un abito col minimo spreco possibile. Il vestito, infatti, è formato da due maglie cucite insieme, mentre la struttura decorativa è realizzata direttamente con degli scarti di plastica, nello specifico strisce di acetato, utilizzati così come erano, senza apportare ulteriori tagli. La creazione, inoltre, è interamente smontabile per renderne più facile la manutenzione e la conservazione.

Alessia Mora, seconda classificata e vincitrice di una borsa di studio di mille euro, ha preso alla lettera il concetto di rispetto del materiale e ha compiuto una vera e propria alchimia: i fogli di plastica e gli scarti di imballaggi applicati sulla sua creazione hanno l’aspetto di lussuose incrostazione in cristalli e madreperla. Così, la giacca, che la giovane stilista abbina a un pantalone bianco, ricorda il fondale marino e le rouches di plexiglass che ne decorano il colletto richiamano le scaglie dei pesci.

Da Xu, il terzo classificato e vincitore di una borsa di studio di 500 euro, rappresenta il paradigma del riciclo. La sua creazione è una pelliccia composta da materiali plastici eterogenei e stratificati, ed è stata realizzata utilizzando gli scarti di lavorazione delle creazioni degli altri stilisti.

FOTO | Mare ridotto a zuppa di plastica, a Bologna la mostra-denuncia

La sfilata è stata accompagnata dalla band “Riciclato circo musicale”, gruppo che fa del “riuso” il suo marchio di fabbrica. I quattro musicisti, infatti, suonano strumenti ricavati da oggetti di uso comune come phon, sgabelli e vecchi bastoni delle scope e durante la serata hanno voluto coinvolgere il pubblico stesso nel “riuso”: hanno lanciato tra la folla delle bottiglie di pet riciclato da utilizzare come strumenti. La provocazione è stata raccolta dal pubblico con entusiasmo: gli astanti hanno iniziato ad accompagnare il gruppo scandendo il ritmo delle canzoni battendo sui recipienti plastici.

di Veronica Lucchini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»