VIDEO | Palermo, Orlando: “L’amministrazione ha i conti a posto e rispetta la legge”

Lo ha detto il sindaco di Palermo commentando alcune osservazioni sul bilancio comunale da parte del Mef ai giudici della Corte dei conti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Abbiamo fornito al ministero dell’Economia tutte le nostre risposte e la gran parte sono state accolte: il ministro dell’Economia ha preso atto che i suoi ispettori avevano sbagliato, facendo contestazioni infondate. Per quanto riguarda, invece, quelle su cui si continua ancora a insistere renderemo conto alla Corte dei conti della bontà delle nostre posizioni”. Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a margine della presentazione del report sugli effetti dell’anno che ha visto il capoluogo siciliano capitale italiana della cultura, commentando la notizia dell’invio di alcune osservazioni sul bilancio comunale da parte del Mef ai giudici della Corte dei conti.

“Mi dispiace che quell’ispezione sia stata usata strumentalmente per fare danno a una amministrazione che ha i conti a posto e sicuramente rispetta la legge”, ha concluso il sindaco di Palermo.

LEGGI ANCHE: Sicilia, Corte dei Conti: Regione recuperi risorse per 1,1 miliardi

La vicenda risale a una vecchia ispezione ministeriale negli uffici di Palazzo delle Aquile, che generò diverse polemiche alla fine del 2016. I tecnici ministeriali stilarono un elenco di presunte irregolarità: ne nacque un lungo confronto, al termine del quale arrivò la risposta dell’amministrazione comunale. Nei giorni scorsi, infine, è arrivata la replica finale da via XX Settembre: il Mef ha accolto alcune osservazioni del Comune, rinviando invece ai magistrati contabili il giudizio su altre contestazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»