Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maltempo, tromba d’aria nel Palermitano: allerta arancione in Sicilia e Sardegna

maltempo italia
Attese piogge e temporali che interesseranno dapprima la Sardegna, per portarsi poi anche su Sicilia e Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Il maltempo torna a fare paura in Sicilia. Una tromba d’aria ha interessato stamattina il territorio di Bisacquino, in provincia di Palermo. Diversi i danni segnalati, tra cui la distruzione di una struttura leggera adibita a copertura per ricovero merci e attrezzi agricoli di un’azienda locale. Divelte anche alcune recinzioni e la Protezione civile regionale segnala anche il danneggiamento di alcuni alberi da frutto lungo il percorso seguito dalla tromba d’aria che poi si è esaurita.

FANGO SULLA CARREGGIATA, CHIUSA STATALE NEL PALERMITANO

La pioggia battente che cade da questo pomeriggio in provincia di Palermo sta provocando disagi alla viabilità. Traffico bloccato sulla Statale 121, a Roccapalumba, a causa del fango che ha invaso la strada. Sul posto il personale dell’Anas. Un violento nubifragio si è abbattuto anche su Termini Imerese, dove alcune strade sono state allagate. La sindaca, Maria Terranova, ha rivolto un appello ai propri concittadini a restare in casa o a limitare gli spostamenti, invitandoli alla massima attenzione.

CARREGGIATE ALLAGATE, CHIUSO TRATTO AUTOSTRADA PALERMO-CATANIA

Chiuso un tratto dell’autostrada Palermo-Catania a causa della forte pioggia che ha allagato la sede stradale. L’interruzione ad Agira, nell’Ennese, in entrambe le direzioni. L’Anas ha deciso lo stop alle auto anche sulla Statale 192 ‘Della valle del Dittaino’.

PIOGGE E TEMPORALI SULLE ISOLE E IN CAMPANIA, ALLERTA ARANCIONE IN SICILIA E IN SARDEGNA

Un minimo depressionario, posizionato tra la Tunisia e le nostre due Isole maggiori, continua a convogliare impulsi di tempo perturbato, a tratti anche intensi. In tale contesto, sono attese piogge e temporali che interessano dapprima la Sardegna, per portarsi poi anche su Sicilia e Campania, specie sui settori costieri di quest’ultima.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, martedì 16 novembre, precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sardegna, in successiva estensione a Sicilia e Campania, con particolare riferimento ai settori costieri e alle isole di quest’ultima. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e locali forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, mercoledì 17 novembre, allerta arancione su gran parte della Sicilia e sul settore orientale della Sardegna. Valutata, inoltre, allerta gialla su alcuni settori di Marche, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna e resto della Sicilia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»