Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cartabia incontra il procuratore generale Usa Garland: rinnovata la richiesta di trasferimento per Chico Forti

marta cartabia
Perché possa continuare a scontare in Italia la pena dell'ergastolo cui è stato condannato per omicidio e per cui è recluso in un carcere della Florida
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia ha avuto un colloquio molto cordiale con l’Attorney General Merrick Garland. La Guardasigilli ha rappresentato il quadro delle riforme, a cui sta lavorando. I due si sono confrontati in modo particolare sui sistemi di monitoraggio della durata dei processi e sull’istituzione in Italia dell’ufficio per il processo, analogo all’esperienza dei clerk americani. Cartabia e Garland hanno in seguito toccato vari dossier riguardanti la cooperazione giudiziaria tra Italia e Stati Uniti. All’Attorney General, la Ministra Cartabia ha rinnovato la richiesta di trasferimento in Italia del connazionale Chico Forti, perché possa continuare a scontare nel suo Paese la pena dell’ergastolo cui è stato condannato per omicidio e per cui è recluso in un carcere della Florida.

La Guardasigilli ha fornito all’Attorney General, autorità cui spetta la decisione finale sul caso previo assenso della Florida, i chiarimenti richiesti sul rispetto da parte italiana della convenzione di Strasburgo del 1983 (sul trasferimento delle persone condannate). La Ministra ha inoltre invitato l’Attorney General alla conferenza dei ministri della Giustizia dei Paesi membri del Consiglio d’Europa, organizzata nel quadro della Presidenza italiana, che avrà luogo a dicembre a Venezia e che sarà dedicata al tema della giustizia riparativa. La Ministra ha infine illustrato iniziative, allo studio con Unodc a seguito della crisi afgana, per contrastare la produzione e il traffico di stupefacenti, la tratta degli esseri umani e rafforzare gli strumenti di lotta al terrorismo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»