Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Venerdì studenti in piazza in tutta Italia: “Sarà la mobilitazione più grande”

protesta studenti piazza
I ragazzi scenderanno in strada per rivendicare un approccio radicalmente diverso alla scuola, alla questione ambientale e alla condizione giovanile. A Roma il corteo partirà da Piramide
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ma quale scuola? Ma quale società? Ma quale futuro?”. Pretendono delle risposte concrete le studentesse e gli studenti che scenderanno in piazza venerdì 19 novembre per quella che, promettono, sarà la principale mobilitazione studentesca di questo autunno. A Roma il corteo partirà alle 10 da Piramide per rivendicare un approccio radicalmente diverso alla scuola, alla questione ambientale e alla condizione giovanile.

manifestazione studenti roma


“Da anni ci battiamo costantemente contro un modello di scuola che non riesce più a rispondere alle nostre necessità – scrivono – una didattica sempre più frontale e nozionistica e una valutazione sempre più oppressiva, oltre alla mancanza strutturale di spazi dove studiare e trasporti per raggiungere quei luoghi”. Una situazione che è gravemente peggiorata con la pandemia. “Da più di due anni abbiamo perso ogni momento di socialità – denunciano gli studenti e le studentesse – anche con la didattica in presenza al 100%, in moltissime scuole, dobbiamo passare la ricreazione chiusi in classe senza possibilità di uscire. Si sta proponendo poi di svolgere la maturità come se fosse un anno normale: non lo è! Bisogna tener conto di due anni di DAD“.


Se la mobilitazione parte da rivendicazioni strettamente studentesche, l’orizzonte a cui guardano gli studenti è molto più ampio. Prendono di mira le contraddizioni della società in senso lato che, dal loro punto di vista, sono state acuite dalla crisi pandemica. “Dopo la pandemia le contraddizioni del nostro sistema si sono mostrate al massimo– si legge sul comunicato – la questione ambientale è ancora all’ordine del giorno e le risposte sono sempre meno. Un tema poi viene completamente ignorato, quello della salute mentale. Nessuna risposta reale a chi dopo due anni rinchiuso in casa soffre e ha sofferto di depressione, ansia o disturbi alimentari“. Per tutte queste ragioni, venerdì scenderanno in piazza in tutta Italia per esigere un futuro diverso. “Perché sappiamo che ora è il momento di farci sentire, di urlare la nostra rabbia. E dovranno ascoltarci”, concludono.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»