Covid, Bardi: “Ospedali da campo sicuri e protetti”

Il presidente della Regione Basilicata risponde alle accuse del consigliere regionale di Italia Viva, Mario Polese
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

POTENZA –  “Siamo nel pieno della seconda ondata della pandemia. E leggo che c’è chi in maniera irresponsabile e strumentale, anziché contribuire a rasserenare la nostra comunità, diffonde fake news speculando sulla paura”. Così in post sulla pagina Facebook ufficiale il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, rispondendo alle accuse del consigliere regionale di Italia Viva, Mario Polese.

LEGGI ANCHE: Basilicata, Polese: “Ospedale donato dal Qatar? In pessime condizioni”

“C’è chi si lamenta del fatto che la Regione si sia attivata per creare nuovi posti per ricovero di pazienti covid. Vi rendete conto? Non è accettabile. Per questo sulla vicenda degli ospedali da campo del Qatar voglio specificare alcune cose, per amore di verità“. Bardi spiega che il Qatar si era impegnato a fornire entro giugno l’ospedale totalmente attrezzato, “ma questo non è stato possibile – precisa – principalmente per lo scoppio della pandemia nel Paese degli Emirati e per il successivo Ramadan”. A quel punto, invece di lasciar perdere, Bardi spiega che la Regione è voluta intervenire in maniera congiunta con il ministro della Salute, Roberto Speranza. “In questo modo – continua il presidente – è arrivato il finanziamento che ha permesso la prosecuzione dei lavori e l’avvio delle relative gare. Velocemente e in trasparenza sono state espletate le gare e i contratti di fornitura sono stati firmati”.

LEGGI ANCHE: Pronti entro fine mese gli ospedali da campo donati dal Qatar alla Basilicata

Il governatore lucano annuncia pertanto che entro la metà di dicembre tutto sarà completato e la Basilicata avrà due ospedali da campo, a Potenza e Matera, “sicuri e protetti – aggiunge – che potranno ospitare fino a 50 pazienti covid. Ed altre due strutture per effettuare tamponi e somministrare vaccini antinfluenzali. Tutto questo – conclude Bardi – si è potuto realizzare grazie all’intervento della Regione, alle sinergie istituzionali con il governo. Il piano ospedaliero della Basilicata è pienamente operativo e, con interventi strategici periodici, viene rafforzato. Costantemente monitoriamo tutto”.

POLESE (IV): “IL PACCO CHE IL QATAR HA RIFILATO ALLA BASILCIATA”

“Cinque verità sul pacco che il Qatar ha rifilato alla Basilicata”. Così in un video su Facebook il consigliere regionale di Italia Viva, Mario Polese. Polese sostiene che l’ospedale da campo, ancora in allestimento sia a Potenza che a Matera nei pressi dei presidi ospedalieri San Carlo e Madonna delle Grazie, non conterrà né posti di terapia intensiva, né di sub-intesiva o di rianimazione. “Forse – afferma – qualche posto di malattia infettive”. Delle cinque tende da allestire ne resteranno quattro, “perchè una è bucata e usata – denuncia – altre quattro non sono a norma antivento e antineve. Ci avevano promesso 500 posti – continua Polese – non saranno nemmeno 50″. I 2 milioni di euro già impegnati dalla Regione, inoltre, secondo il consigliere non saranno sufficienti. “Immaginate cosa si poteva fare contro il Covid per gli ospedali già esistenti” commenta, mettendo in evidenza che dall’annuncio degli ospedali da campo donati dal Qatar in Basilicata all’effettiva realizzazione sono trascorsi duecento giorni. “Il 15 aprile – conclude Polese – c’erano 270 positivi in tutto in Basilicata, oggi 270 li facciamo in un giorno. Questa è la cronaca di un fallimento e credo che qualcuno ce ne debba dare conto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»