Coronavirus, Marsilio pronto a dichiarare l’Abruzzo ‘zona rossa’

La protesta del 5s Vacca: "Chiudere le scuole non ferma il contagio"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PESCARA – “A volte si deve fare anche ciò che non si vuole fare, perché è giusto ed opportuno. Nessuno può sfuggire alle responsabilità, questi non sono momenti per fare giochi politici e propagandistici ma sono momenti in cui prendere posizione e anticipare scelte. L’Abruzzo deve essere zona rossa con chiusura delle scuole“. Così in un post pubblicato sul suo profilo facebook il vicepresidente della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, differenze tra la zona arancione e rossa

La decisione è arrivata al termine dell’incontro avuto ieri con il Comitato tecnico scientifico regionale che si pensava convocato solo per decidere eventuali restrizioni maggiori nelle province de L’Aquila e Teramo. L’ordinanza in merito dovrebbe arrivare oggi, per entrare in vigore a partire da martedì.

Sulla paventata chiusura delle scuole è intervenuto il deputato abruzzese M5S Gianluca Vacca: “Mi auguro – scrive in un post anche lui pubblicato su Fb – che le notizie di un’imminente chiusura delle scuole in Abruzzo siano infondate. Il presidente Marsilio si attenga alle norme nazionali anche in caso di passaggio in zona rossa. L’esempio della Campania è illuminante: la chiusura delle scuole non ferma il contagio. Marsilio non comprometta il futuro dei nostri bambini e ragazzi!”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»