Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Crisanti: “Il test fai-da-te non è una cosa seria”

andrea crisanti immunologo
"Penso che in un'epidemia la tracciabilità e l'identificazione dei contatti sia un caposaldo", dice il microbiologo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del Veneto Luca Zaia ha lanciato la sperimentazione del tampone fai-da-te, che con un kit simile a un test di gravidanza da una risposta in pochi minuti. “Penso che in un’epidemia la tracciabilità e l’identificazione dei contatti sia un caposaldo. Questa non credo sia una cosa seria”, dice a Radio Capital il microbiologo Andrea Crisanti.

LEGGI ANCHE: Zaia contro il ‘sistema regioni’: “Con il vaccino noi veneti ci arrangeremo”

“Stiamo banalizzando una cosa serissima di sanità pubblica, paragonandolo a un test di gravidanza”, aggiunge. Anche perché una persona potrebbe farsi il tampone a casa e poi, anche se positive, andare tranquillamente in giro, senza essere tracciata: giusto? “Esatto. Siamo alla follia più totale”, risponde Crisanti.

A proposito del vaccino, Moderna ha ufficializzato la fine della sperimentazione e un’efficacia vicina al 95%, simile al 90% annunciato da Pfizer: “Bisogna vedere i dati, non si può fare una valutazione scientifica ponderata su una chiacchiera– dice Crisanti- quando tireranno fuori i dati, riusciremo a leggere meglio sia l’efficacia che le caratteristiche di sicurezza. Per il momento parliamo di chiacchiere. E, mi creda, non ne vale la pena“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»