Prematuro un bimbo su 10: “La sfida è contenere gli effetti negativi”

All'Ospedale Monaldi di Napoli si è svolta la seconda edizione dell'evento 'M'illumino di viola' in occasione della giornata mondiale del prematuro del 17 novembre istituita nel 2011
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “L’evento nasce dall’esigenza di promuovere il mondo della prematurità per sensibilizzare la popolazione a questa problematica abbastanza frequente: un bambino su 10 nasce prematuro. Questi bambini hanno bisogno di un team multidisciplinare che li accolga, che li sostenga e che li faccia crescere nella maniera più corretta e fisiologica possibile. Così alla Dire Giovanni Chello, direttore della Uoc di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale del Monaldi, a margine della seconda edizione dell’evento ‘M’illumino di viola‘ in corso all’ospedale napoletano in occasione della giornata mondiale del prematuro del 17 novembre istituita nel 2011. 

“Dall’aprile dello scorso anno – prosegue – abbiamo aperto le porte ai genitori 24 ore su 24 perseguendo il principio della cura centrata sulla famiglia perché si è visto che una presenza costante dei genitori favorisce lo sviluppo psicomotorio dei bambini”. 

Oggi la sfida – sottolinea Chello – “è quella di contenere gli esiti della prematurità e il contenimento è legato ad un’azione multidisciplinare. Questa giornata l’abbiamo organizzata pensando proprio ad un team multidisciplinare e, quindi, abbiamo invitato i nostri maggiori collaboratori che affiancano – conclude – pediatri e neonatologi: gli oculisti, gli otorino, la nostra logopedista e la fisioterapista”. 

“Noto di anno in anno – rimarca la presidente della Federazione logopedisti italiani della Campania Florinda De Simini – un progresso straordinario che tende al recupero totale dei bambini. 

Il Monaldi rappresenta un’eccellenza anche nel percorso di abilitazione dei prematuri”. A occuparsi di logopedia nella struttura napoletana è Sara Panizzolo che osserva l’importanza del “follow up che si configura come un accompagnamento alla crescita del bambino prematuro. Nell’ultima survey riportata dall’istituto superiore della Sanità solo il 20% delle tin ha il logopedista all’interno dell’equipe multidisciplinare e solo il 60% effettua una valutazione sul versante comunicativo e linguistico”. Uno degli obiettivi è quello di promuovere la figura del logopedista “che attraverso azioni di prevenzione secondaria, intercettando precocemente vulnerabilità e fragilità del neonato prematuro, con azioni di abilitazione può contenere outcome sfavorevoli e – conclude – migliorare la qualità della vita”.

tavolo (1)
sala
platea

Precedente
Successivo

LEONE (MONALDI): CON ORECCHIO BIONICO VITA E LINGUAGGIO NORMALI

“Una prima patologia è rappresentata dalla sordità. Grazie allo screening neonatale noi possiamo detectare quanto più precocemente possibile un abbassamento, ad esempio, genetico dell’udito: questo ci consente di seguire il paziente, protesizzarlo ed eventualmente, quando la patologia uditiva è grave, anche potergli impiantare un orecchio bionico, il cosiddetto impianto cocleare, che con una diagnosi precoce restituisce una vita e un apprendimento del linguaggio perfettamente normali”. Così alla Dire Carlo Antonio Leone, direttore della Uoc di Otorinolaringoiatria del Monaldi. 

“L’altra grande categoria che riguarda la mia specialità – prosegue – è quella delle patologie della alte vie respiratorie, in particolare il distress respiratorio. In neonatologia, ad esempio, possono esserci delle patologie genetiche come le ostruzioni o le malformazioni laringee che hanno bisogno di un intervento veloce, precoce e molto attento per non invalidare la vita del paziente quando crescerà. Solo la stretta collaborazione tra il neonatologo e l’otorinolaringoiatra- conclude Leone- permette una pronta diagnosi e una pronta terapia”.

CAPOBIANCO: NEI PREMATURI FONDAMENTALE VISITA OCULISTICA

Tra gli ospedali napoletani con cui c’è una collaborazione è presente anche “il Monaldi che raccoglie tanti bambini di bassissimo peso alla nascita e di bassa età gestazionale”. Così alla Dire Salvatore Capobianco, segretario nazionale del gruppo di studio italiano sulla retinopatia del prematuro, a margine dell’evento ‘M’illumino di viola’.

“Tutti questi bambini- prosegue- hanno necessità di essere seguiti anche dal punto di vista oculistico già alla quarta-sesta settimana di vita eseguendo una visita particolare per andare a guardare nei particolari il fondo dell’occhio e per andare ad evidenziare eventuali segni di comparsa di una malattia molto grave che, se non diagnosticata e curata nei tempi giusti, può portare fino alla cecità totale del bambino prematuro”.

“Negli ultimi anni- spiega Ciro Picardi, oculista del Santobono-Pausilipon- si è avuto un incremento esponenziale del numero di bambini affetti da questa patologia e questo è collegato alla possibilità di tenere in vita bambini con età gestazionale alla nascita sempre più bassa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»