Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Africa, allarme farmaci contraffatti: migliaia di vittime l’anno

Secondo il rapporto, nel mondo il traffico di questo tipo di medicine raggiunge un valore di 200 miliardi di dollari l’anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – Decine di migliaia di persone sono uccise ogni anno in Africa dall’utilizzo di farmaci contraffatti o al di sotto degli standard di qualita’ accettati: la denuncia e’ contenuta in uno studio, finanziato dall’Unione Europea, pubblicato questa settimana. Secondo il rapporto, nel mondo il traffico di questo tipo di medicine raggiunge un valore di 200 miliardi di dollari l’anno. Stime dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) indicano che tra il 2013 e il 2017 in un caso di due le medicine sono finite sui mercati d’Africa, dove sono preferite spesso a farmaci di qualita’ migliore ma venduti a prezzi elevati. Nel rapporto si evidenzia che i Paesi piu’ colpiti dal traffico sono quelli dell’Africa occidentale. Solo negli ultimi due anni in Costa d’Avorio sarebbero state sequestrate 400 tonnellate di farmaci contraffatti. Tra i principali esportatori di prodotti a rischio figurano Cina e India, ma anche Gran Bretagna, Pakistan e Paraguay. “I contraffattori – denunciano gli esperti – si accaniscono sui Paesi poveri, dove rispetto a quelli ricchi i tassi di penetrazione delle medicine pericolose sono fino a 30 volte superiori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»