Rifiuti, Fico contro Salvini: “In Campania neanche un inceneritore in più”

Roberto Fico da Napoli replica alle dichiarazioni di ieri di Matteo Salvini che vorrebbe un inceneritore per provincia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

NAPOLI – “Ieri il ministro dell’Interno è venuto qui a Napoli ed è uno schiaffo forte arrivare qui e dire che ci vuole un inceneritore per provincia dopo le lotte che sono state fatte, dopo l’avanzamento delle nuove tecnologie”. Così Roberto Fico, presidente della Camera dei deputati, intervenendo alla celebrazione per i 45 anni della scuola di Medicina e chirurgia della Federico II nella sede di via Pansini a Napoli.

Leggi anche: Rifiuti, è scontro all’interno del Governo sugli inceneritori

“In questa regione – afferma Fico – noi abbiamo bisogno di impianti di compostaggio, di trattamento meccanico manuale, di raccolta differenziata porta a porta, di riuso, di riciclo, di riutilizzo e di riduzione a monte dei rifiuti, fuori dalla logica di discariche ed inceneritori”.

“Se dopo tanti anni – prosegue il presidente della Camera – lo dobbiamo ridire, lo diremo ancora più forte, siamo pronti a lottare per questo. In questa regione, ve lo assicuro, non si farà neanche un inceneritore in più”.

“Non mi piace neanche – conclude – che si dica al sindaco di Napoli di mangiarsi i rifiuti. Nessuno parla così al sindaco della capitale del Sud Italia, capitale fondamentale, europea e del Mediterraneo”.

di Elisa Manacorda

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»