Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arriva venerdì 17: il 59% dei single italiani è superstizioso

Tra gli oggetti portatori di malasorte il più temuto è lo specchio rotto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Venerdì 17 novembre si avvicina. E non è stato l’unico venerdì sfortunato in questo 2017, che possiede già al suo interno il numero che per antonomasia simboleggia la sfortuna. Il 17 di questo novembre è però un giorno particolare perché è anche la giornata mondiale contro la superstizione, il cosiddetto “gatto nero day”.

Ma quante persone credono davvero ancora alla sfortunaMeetic il leader europeo nel dating ha condotto un’indagine sulla questione. Il risultato è stato che il 59% dei single interpellati ha dichiarato di essere superstizioso, ma solo il 20% ammette di possedere un amuleto.

La classifica dei superstiziosi

A fare più paura ai single è lo specchio rotto (23%), mentre al secondo posto nella classifica di coloro che temono la malasorte si piazza invece la bottiglia di olio in frantumi con il 18%. Al terzo posto il temutissimo attraversamento da gatto nero con il 13%.  A seguire il sale rovesciato, l’eptacaidecafobia (ossia la paura del numero 17), il carro funebre, il passare sotto una scala, l’ombrello aperto in luoghi chiusi, la scopa sui piedi e il cappello sul letto.

Leggi anche Sta arrivando venerdì 17 2017, il terrore degli eptacaidecafobici

L’essere superstiziosi non sembrerebbe essere però un limite per i single italiani.  Il 75%  degli intervistati ha dichiarato che non avrebbe problemi nel frequentare una persona che teme la sfortuna.

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»