Il test di medicina? Chiede la percentuale dell’omosessualità. Gay Lex contro Ateneo Torino

Una domanda del test di medicina dell'Università di Torino ha fatto infuriare la comunità Lgbt
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Qual è la stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?“. E’ questa la domanda, fatta agli aspiranti medici nelle università italiane, che in queste ore sta facendo indignare la comunità lgbt. A denunciare il fatto, ieri, sono stati Cathy La Torre, avvocato di Gay Lex, e Marco Grimaldi, segretario di Sinistra Italiana in Piemonte, che hanno pubblicato su Facebook una foto del quesito.

“Abbiamo avuto, in forma anonima, una delle domande del test progress sottoposta ieri a 33.000 studenti di Medicina– spiega La Torre sui social- i test progress sono somministrati a tutti gli studenti di medicina per valutarne i progressi nell’apprendimento”. Una delle domande è proprio questa: “Quali delle seguenti percentuali rappresenta la migliore stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo?”.

Il quesito, sottolinea La Torre, è inserito nella sezione del test in cui si parla didiagnosi, genetica, malattie e comportamenti da tenere dinnanzi a certe malattie. Dunque vogliamo sapere, e lo pretendiamo, se la comunità medica italiana ritiene ancora che l’omosessualità sia una malattia. Vogliamo sapere che senso ha chiedere a dei futuri medici la stima dell’omosessualità nell’uomo“.

La Torre si domanda se, allo stesso modo, venga chiesta anche “la stima della eterosessualità dell’uomo. Perché è bene ricordare che eterosessualità e omosessualità sono entrambe ‘varianti’ naturali del comportamento umano”. Dunque, insiste l’avvocato di Gay Lex, “pretendiamo una risposta dalla conferenza dei presidi delle Facoltà di Medicina: perché questa domanda nel 2017? Non certo per rendere medici e scienziati persone migliori e con meno pregiudizi”. La Torre invita infine tutti i suoi contatti a condividere la denuncia. “Indignarci e chiedere spiegazione è una delle poche armi nelle nostre mani”, afferma.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»