Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Papa Francesco: “Le case farmaceutiche liberalizzino i brevetti dei vaccini anti-Covid”

papa francesco
Il Pontefice chiede alle multinazionali di 'Big Pharma' di "permettere che ogni essere umano abbia accesso al vaccino"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ai grandi laboratori, che liberalizzino i brevetti. Compiano un gesto di umanità e permettano che ogni essere umano abbia accesso al vaccino“. Così Papa Francesco, su Twitter, torna a chiedere alle multinazionali della farmaceutica di condividere i ‘segreti’ dei propri sieri anti-Covid. Secondo il Pontefice, bisogna dare un’accelerazione alla campagna vaccinale, che continua a viaggiare a due velocità: spedita nell’Occidente, con molti Paesi che hanno immunizzato buona parte della propria popolazione e adesso sono partiti con la terza dose mentre molte fiale restano negli hub in attesa di essere somministrate; a rilento nei Paesi più poveri, soprattutto in Africa, dove la stragrande maggioranza delle persone non ha ricevuto nemmeno la prima dose.

E se da una parte i governi cercano di convincere una minoranza fermamente no vax, dall’altra la gente non ha nemmeno la possibilità di scegliere, perché le dosi scarseggiano. Recentemente, Unione europea e Stati Uniti hanno firmato un accordo con l’obiettivo di immunizzare il 70% della popolazione globale entro il 2022. E anche il premier italiano Mario Draghi, al G20 dei parlamenti, ha esortato alla cooperazione internazionale. Adesso il nuovo appello del Papa a ‘Big Pharma’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»