Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lo scoiattolo grigio è salvo: la Regione Emilia-Romagna non lo abbatterà

scoiattolo grigio scoiattoli
La Lav e il Centro Il Pettirosso si sono offerti di ospitare gli esemplari catturati, risparmiando loro di essere "gasati" con l'anidride carbonica come da progetto iniziale della giunta Bonaccini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – C’è un piano per ‘confinare’ lo scoiattolo grigio senza abbatterlo. Lo annuncia la Regione Emilia-Romagna dopo la comparsa del roditore anche nel piacentino e le proteste degli animalisti per l’ipotesi di ‘gasare’ i piccoli animali con l’anidride carbonica. Il piano di intervento di viale Aldo Moro prevede invece un sistema di monitoraggio “che si concentrerà nei territori al confine con le province di Lodi, Cremona e Rovigo, in particolare nella zona del Delta del Po”.

Nelle aree interessate saranno installate foto-trappole per rilevare l’eventuale presenza di altri scoiattoli grigi e catturarli. Ma paiono scartate, a questo punto, soluzioni cruente o comunque letali per gli scoiattoli. La collaborazione sperimentata in questi anni “ha fatto sì che sia Lav nazionale (Lega Anti Vivisezione) che il centro di recupero fauna selvatica il Pettirosso di Modena si siano resi disponibili ad ospitare gli scoiattoli catturati evitandone la soppressione“.

Ieri queste due realtà “hanno inviato richiesta alla Regione per il riconoscimento dell’idoneità delle proprie strutture alla collocazione degli esemplari catturati e viale Aldo Moro si è subito mobilitata per iniziare ad acquisire i necessari pareri del ministero dell’Ambiente e di Ispra e procedere così alla successiva eventuale autorizzazione”.

Lo scoiattolo grigio, ricorda viale Aldo Moro, è considerato a livello internazionale tra le 100 specie invasive più dannose al mondo: la sua presenza è già stata segnalata in Piemonte, Liguria e Lombardia e ora, appunto, anche in Emilia-Romagna. Questo scoiattolo, originario del Nord America, “è una specie che secondo gli esperti può causare impatti negativi sia sugli ecosistemi colonizzati, sia sulle attività umane”.

In particolare, sottolinea ancora la Regione, “scorteccia gli alberi, che di conseguenza sono maggiormente suscettibili agli attacchi dei parassiti, oltre ad essere ghiotto di nocciole. Senza considerare che è estremamente pericoloso per lo scoiattolo comune, la specie autoctona”. Infatti, “può provocarne l’estinzione grazie a una maggiore efficienza nello sfruttamento delle risorse naturali e in alcuni casi anche mediante meccanismi parassitologici: ad esempio può predare uova di uccelli e competere con le specie locali per l’uso di cavità arboree”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»