VIDEO | In Italia 9.000 persone in attesa del trapianto della cornea

'La vista è il più prezioso dei nostri sensi e può continuare a vivere negli occhi di un'altra persona'. È il forte messaggio contenuto in una breve videoclip lanciata oggi dagli oculisti di AIMO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ‘La vista è il più prezioso dei nostri sensi e può continuare a vivere negli occhi di un’altra persona‘. È il forte messaggio contenuto in una breve videoclip intitolata ‘Light‘ e lanciata oggi dagli oculisti di AIMO per sensibilizzare le persone alla donazione della cornea. L’occasione è stata la giornata inaugurale dell’XI Congresso nazionale dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti, in programma oggi e domani a Roma presso l’Hotel NH Collection Roma Vittorio Veneto (in Corso d’Italia, 1). 

Nato da un’idea degli oculisti Marco Gusmeroli e Davide Borroni, il video è sceneggiato e diretto dalla Montsugi Production, con la musica originale di Luis Tesso. “Negli ultimi mesi è calata di molto la donazione delle cornee e degli organi in generale- ha spiegato Gusmeroli- e tenendo conto che in Italia ci sono circa 9mila persone che stanno aspettando una donazione corneale per fare il trapianto, abbiamo pensato che potesse essere utile sensibilizzare le persone a questo tema attraverso un video. Una donazione di cornea può veramente cambiare la vita alle persone, perché la vista, e non lo dico soltanto perché sono un oculista, è veramente il nostro senso più importante”. 

‘Light’ è una videoclip dal “forte impatto emozionale- ha proseguito Gusmeroli- d’altra parte queste cose nascono nel momento in cui purtroppo si perde qualcuno di caro, che può però continuare a vivere attraverso gli occhi di qualcun altro attraverso una donazione di cornea”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»