Alla Festa del Cinema di Roma ‘Stardust’, film su David Bowie tra arte e follia

Prensentato oggi il film sul Duca bianco diretto da Gabriel Range e interpretato dall’attore e musicista Johnny Flynn
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
stardust1

ROMA –  Un giovane artista smarrito, in lotta con i propri demoni e alla ricerca di un’identità. È il David Bowie di ‘Stardust‘, film diretto da Gabriel Range e interpretato dall’attore e musicista Johnny Flynn, presentato oggi alla Festa del Cinema di Roma. ‘Quasi tutto quello che vedrete è fiction’, la premessa doverosa con cui si apre la pellicola, lontana dai classici biopic. Nessun viaggio musicale patinato attraverso la carriera di Bowie, in stile ‘Bohemian Rhapsody’. Al centro del film non ci sono i grandi successi del Duca bianco, ma un dramma personale, la paura della schizofrenia, un male che affliggeva diversi componenti della sua famiglia, tra cui il fratellastro Terry Burns, a cui era molto legato e che gli ha trasmesso il suo amore per la musica. Per raccontarlo il regista ci porta nel 1971, quando un giovane Bowie, dopo un unico successo (‘Space Oddity’) e dodici flop musicali, si reca in America per promuovere il suo nuovo disco ‘The Man Who Sold The World’.
“Abbiamo fatto molte ricerche e spero di aver reso in maniera veritiera quel viaggio, che c’e’ stato, cosi’ come e’ vero che arrivo’ privo di documenti e non poté esibirsi durante il tour promozionale del disco”, ha dichiarato il regista all’Agenzia Dire durante la conferenza stampa di presentazione di ‘Stardust’, rispondendo a una domanda circa la veridicità degli eventi raccontati nella pellicola.

“David ha parlato in più occasioni della paura della schizofrenia- ha proseguito- ogni brano di ‘The Man Who Sold The World’ racconta questo spettro. Era qualcosa che in quel periodo lo preoccupava. Pensava fosse un male genetico e, poiché tre zie e il fratellastro erano schizofrenici, pensava che per lui fosse una bomba ad orologeria pronta a scoppiare”.
Nel film vediamo come ‘The Man Who sold the world’ stenta a raggiungere il successo: è troppo cupo, il pubblico non riesce a capirlo e Bowie non vuole raccontare la paura di quel male cosi’ temuto, di cui sono impregnate le sue canzoni. Il viaggio attraverso gli States che Range racconta diventa così anche quello interiore che David Bowie potrebbe aver intrapreso, e che avrebbe portato alla nascita di sui tanti alter ego tra cui, Ziggy Stardust. “Per me la cosa più importante è stata interpretare una persona vera, un essere umano, non solo un’imitazione di Bowie. Volevo capire cosa provava in quel momento di crisi, di estrema vulnerabilità”, ha dichiarato Flynn in conferenza stampa. Il pubblico resterà deluso della rappresentazione di Bowie data dal film? Il regista non si dice preoccupato di questo, mentre si augura che la pellicola che “uscirà prossimamente in tutto il mondo”, piaccia ai famigliari di Bowie: “Volevamo mostrare il massimo rispetto per lui”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»