Bernaudo in corsa a sindaco di Roma: “Appello ai liberali per unità”

"Servono volti, nomi, servono candidati per riconquistare libertà, bellezza e ricchezza per la nostra Capitale e dare un segnale forte a tutta Italia"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Liberisti italiani scende in campo per dare corpo, dalle elezioni di Roma Capitale, a un comitato di liberazione dallo statalismo. Ho deciso di metterci la faccia e di gettare il cuore oltre l’ostacolo“. Lo scrive, su Facebook, Andrea Bernaudo, candidato sindaco di Roma con la lista dei Liberisti italiani.

LEGGI ANCHE: Andrea Bernaudo si candida a sindaco di Roma: “Serve una rivoluzione amministrativa”

“Si arriva a un certo punto- spiega- in cui si deve avere il coraggio di misurarsi se si crede per davvero alle proprie idee. Ma dobbiamo farlo tutti insieme. Io ci credo, amo Roma e l’Italia e non voglio rassegnarmi al declino. Faccio un appello a tutte le associazioni liberali, ai singoli, ai tanti amici e alle tante sigle e gruppi che da tanti anni svolgono, come noi, una preziosa azione di testimonianza liberale, di studio e di approfondimento, sui social, sui propri siti e attraverso eventi e convegni. Uniamo le forze, facciamolo per una volta! Facciamolo per Roma”. 

LEGGI ANCHE: Roma, Bernaudo: “Calenda con il Pd? Non libererebbe la città dal ‘sistema’

“Abbiamo un programma ambizioso su cui lavoriamo tutti da tempo, ma è un programma aperto a idee di buon senso, innovative, di efficienza e libertà- continua Bernaudo- Servono volti, nomi, servono candidati per riconquistare libertà, bellezza e ricchezza per la nostra Capitale e dare un segnale forte a tutta Italia. Dobbiamo voltare pagina. Abbiamo una grande occasione per farlo con le elezioni di Roma. Ma servono anche gambe per correre, e per una volta: liberali uniti, coesi, organizzati. #liberiamoRoma, possiamo farlo solo noi, facciamolo tutti insieme!”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»