“La scuola non si chiude”, a Napoli protesta davanti alla Regione Campania

La decisione di chiudere le scuole fino al 30 ottobre è "un grave attacco al diritto allo studio di bambini e ragazzi", docenti e mondo della scuola in piazza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “La scuola è una priorità, non è un problema”. Lo ripetono un centinaio di persone che stanno manifestando fuori alla sede della Regione Campania. A scendere in strada diverse componenti del mondo della scuola, dai genitori agli studenti agli insegnanti, riuniti in presidio in via Santa Lucia a Napoli per contestare l’ordinanza di chiusure delle scuole in vigore da oggi al prossimo 30 ottobre.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Conte: “Chiudere le scuole non è il segnale migliore”

La scuola non si chiude” e “La scuola non è il virus“, di legge su due grossi striscioni esposti all’esterno di palazzo Santa Lucia. “La chiusura della scuola in Campania – si legge in un documento diffuso dagli organizzatori della protesta – rappresenta un grave attacco al diritto allo studio di bambini e ragazzi oltre che una drastica limitazione della loro socialità. A settembre, siamo tornati a scuola con oltre dieci giorni di ritardo rispetto a altre regioni perché dovevamo essere attrezzati a affrontare la gestione di eventuali focolai e i dati hanno dimostrato che, nonostante l’incremento generale esponenziale dei contagi, il sistema scolastico campano ha tenuto: il contagio non é quasi mai avvenuto a scuola e, anche in caso di studente positivo, i protocolli sono stati applicati con rigore. Ma questo per il presidente De Luca non è stato sufficiente: una decisione improvvisa e insensata”.

“Ora – continuano – ci riconsegna alla Dad che, sperimentata durante il lockdown, ha dimostrato tutti i suoi limiti, soprattutto per le categorie più fragili e esposte alla marginalità economica e sociale. Quindi, perché chiudere la scuola? Si tratta di prove tecniche di lockdown sulla pelle dei nostri figli? La scuola non è il virus”.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, de Magistris: “Scuole chiuse primo passo verso il lockdown”

Bonaccini: “La scuola? Didattica a distanza oppure orari più differenziati. Lockdown da evitare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»