Coronavirus, Zampa: “Nessuno pensa al lockdown, non possiamo sacrificare la scuola”

La sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa esclude l'ipotesi lockdown e sulla chiusura delle scuole aggiunge: "Può essere un'ipotesi ma solo quando tutte le altre strade sono state percorse"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nessuno di noi sta pensando a un lockdown del Paese. E credo che siamo in condizione di evitarlo”. In ogni caso, “e’ preferibile un rispetto rigorosissimo delle norme, meglio rinunciare a uscire e fare assembramenti, o a un divertimento in piu’ che un lockdown del Paese. Ce la possiamo fare, quello che conta adesso e’ il numero dei tamponi, che oggi sono molti di piu’ rispetto a marzo, prendere in carico presto i pazienti e tracciare i contatti”. Cosi’ Sandra Zampa, la sottosegretaria alla Salute, a Rainews24.

“Il Paese non puo’ pensare di sacrificare la scuola”, aggiunge Zampa. Non si possono “chiudere per prime le scuole, che sono fondamentali anche per la salute dei ragazzi. Vanno fatte scelte sugli orari e agire sui trasporti”.

Insomma, spiega Zampa, la chiusura delle scuole puo’ “essere un’ipotesi ma solo quando tutte le altre strade sono state percorse”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»