VIDEO | Aiom: “Permettere la prescrizione dei farmaci ai medici del territorio”

Barni: "Unire tutte le associazioni che si occupano di fragilità ossea"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GARDONE RIVIERA (BS) – “Il senso di questo incontro è quello di tentare di mettere insieme tutte le associazioni che si occupano di fragilità ossea per allargare in maniera consapevole la nota numero 79 di Aifa”: l’obiettivo è “permettere una modulazione più ampia della prescrivibilità dei farmaci per la prevenzione, cercando di arrivare alla prescrizione anche da parte dei sumaisti, dei medici del territorio e dei medici di medicina di base”. Lo ha detto Sandro Barni, dell’Associazione Italiana Oncologia Medica, a margine della Consensus Conference sul tema della fragilità ossea che si è tenuta nel corso del 52esimo congresso nazionale Sumai Assoprof, a Gardone Riviera.

LEGGI ANCHE

Sir: “Fragilità ossea causa 90mila del fratture femore e 270mila delle vertebre”

L’incontro, cui hanno preso parte Fimmg, Aiom, Sir, Firmo e FederAnziani, ha lo scopo di elaborare una proposta di modifica della nota 79 di Aifa, che limita la capacità di prescrivere farmaci per la prevenzione della fragilità ossea ad alcune categorie di medici, escludendo i medici del territorio. “L’unione darà la forza a questo documento- ha concluso Barni- che poi verrà presentato all’Aifa per cercare di sbloccare una situazione che crea disagio soprattutto ai nostri pazienti, già affetti da una patologia importante”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

16 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»