Shoah, Mattarella: “Pagina nera, la ferita non scompare”/ VD

Il presidente ha deposto una corona di fiori sotto la lapide in memoria dei deportati ebrei romani uccisi nei campi di sterminio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – La shoah è ”una pagina nera della nostra storia, triste. La ferita non scompare naturalmente”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella dopo aver visitato la mostra “16 ottobre 1943 – La Razzia” in Largo 16 ottobre 1943, dove ha deposto una corona di fiori sotto la lapide in memoria dei deportati ebrei romani uccisi nei campi di sterminio nazisti.


mattarella_shoahIl fenomeno dell’antisemitismo, aggiunge, “purtroppo lo vediamo ancora in tante parti del mondo, in Europa e fuori. Credo che ci siano anticorpi sufficientemente forti, ma va sempre mantenuta con forza una vigilanza su questi fenomeni”.

Questa mostra- conclude il capo dello Stato- “è significativa, tiene in maniera particolarmente viva il ricordo di quanto avvenuto, lo manifesta. E quindi è davvero istruttivo visitarla. È un omaggio che va fatto ai nostri concittadini che furono rapiti, sottratti alla vita e assassinati”.

LEGGI ANCHE

Deportazione del Ghetto, Raggi e Zingaretti alla marcia di commemorazione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»