Roma. 72 anni fa il rastrellamento del Ghetto

Roma Capitale, Regione Lazio e Comunità ebraica hanno ricordato al Tempio Maggiore la deportazione verso i campi di sterminio di oltre 2mila ebrei romani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Corona di alloro per il 72esimo anniversario del rastrellamento del ghetto di Roma. Questa mattina Roma Capitale, Regione Lazio e Comunita’ ebraica di Roma hanno ricordato – davanti al Tempio Maggiore – la deportazione verso i campi di sterminio di oltre 2mila ebrei romani che prese il via il 16 ottobre di 72 anni fa.

Foto da Twitter @LaCgilnel900
Foto da Twitter @LaCgilnel900

Presenti alla cerimonia il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, l’assessore capitolino alla Scuola, Marco Rossi Doria, e il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni. “Siamo qui- ha detto Zingaretti- come sempre tutti gli anni e per sempre perche’ non si puo’, non vogliamo e non possiamo dimenticare quanto accadde il 16 ottobre. È stata una ferita alla comunita’ ebraica, ma e’ stata una ferita a Roma, per l’Italia, perche’ furono sradicate vite innocenti che non avevano alcuna colpa se non di essere di religione ebraica. Siamo vicini alla Comunita’ e siamo qui soprattutto per noi perche’ non vogliamo dimenticare un’onta che non e’ stata solo verso la comunita’ e verso le persone civili”.

Secondo Rossi Doria, “la deportazione del ghetto di Roma e’ stato uno degli episodi centrali della deportazione degli ebrei italiani. In un tempo in cui ricominciano ad esserci segnali nel mondo purtroppo preoccupanti, di persecuzioni e di stermini di ogni tipo, e’ fondamentale che le autorita’ civili siano al posto giusto a ricordare e a fare poi il lavoro di ogni giorno, nelle scuole, per ricordare queste cose terribili che sono d’insegnamento in un momento in cui bisogna riprendere una vigilanza forte”. Indispensabile mantenere la memoria anche per Di Segni: “Questa ferita e’ ancora presente, non e’ mai stata ricomposta, con tutto quello che succede nel mondo e’ importante essere memori e anche vigili. C’e’ il problema dello scontro dei popoli e di culture differenti, c’e’ il tema della convivenza, della costruzione dell’Europa, della societa’ pacifica: la lista e’ ben lunga”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»